Utente 197XXX
Salve,
Ho 30 anni.Mentre ero tranquillo davanti al pc,ho notato un bruciore tra il collegamnento omero scapolare sinistra.Io che soffro di ansia mi è alzata la pressione a 170 la max,mi sono preso 13 gocce circa di En,sono corso alla guardia medica,mi ha visitato,mi ha detto che non crede che sia stato infarto.Adesso io chiedo il parere di un esperto cardiologo che è la migliore cosa.Ha a che fare con i sintomi dell'infarto? Oppure dolori osteo musculari.
Grazie Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, innanzitutto si tranquilizzi in quanto le probabilità di avere un infarto alla sua giovane età sono pressocchè nulle, inoltre tale diagnosi si basa oltre che sui sintomi anche su esami specifici (enzimi cardiaci) nonchè su caratteristiche alterazioni elettrocardiografiche. Visto che il collega non ha ritenuto opportuno proseguire con tali indagini, ha evidentemente considerato tale dolore di origine osteo-muscolare. Visto il suo stato ansioso, ritengo opportuno consigliarLe nel caso tale sintomo dovesse ripetersi di consultare un collega cardiologo per una visita ed un ECG.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 197XXX

Iscritto dal 2006
Il sintomo e' scomparso,La ringrazio nuovamente,se dovesse ripetersi faro'un ECG,un'altrra cosa dottore quando sono in stato d'ansia,trovo la pressione minima a 90 95 circa mentre la massima 135 140.
Grazie cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente, lo stato ansioso di per sè determinando un maggiore rilascio di adrenalina dal nostro organismo può essere causa di rialzi pressori, tuttavia i valori da Lei indicati sono in effetti tali da rendere necessari alcuni cambiamenti nel suo stile di vita e l'applicazione di alcune misure dietetiche. Mi riferisco al fatto che se abolisse il fumo e il caffè, se seguisse una dieta povera di sale, se iniziasse un'attività sportiva di tipo aerobico, se riducesse il suo peso corporeo, potrebbe ripristinare quell'equilibrio necessario al mantenimento di valori ottimali di pressione arteriosa.
E' ovvio che, se nonostanti tali accortenze Lei si accorgesse di avere ancora valori pressori al di sopra della norma, si rende indifferibile una consulenza cardiologica.
Saluti