Utente 350XXX
Salve avrei un problema che mi assilla da mesi, frequento una ragazza da 2 mesi ho un problema durante il rapporto non riesco mai a raggiungere l'organo per la coppia sta diventando un problema... 😒 Tengo a precisare che seguito da uno psichiatra faccio uso di 20 gocce di tavor al giorno più 5 di cipralex, soffrendo di ansia da prestazione assumo 10 mg di levitra a rapporto. Come posso risolvere il problema per me sta diventando davvero difficile. Grazie per un eventuale risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,come,probabilmente,le avrà chiarito lo psichiatra di riferimento,la terapia che segue può dare luogo ad un ritardo eiaculatorio e,anche,ad una aneiaculazione durante il coito.Credo che un'interazione tra andrologo e psichiatra sia doverosa.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 350XXX

Iscritto dal 2014
La ringrazio per la risposta, il raggiungimento dell'orgasmo puo' essere dipeso anche dal levitra, se dovessi cambiarlo con spedra o cialis potrei risolvere il problema?
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...non credo che sia il vardenafil a creare il problema.Cordialità.
[#4] dopo  
Dr.ssa Paola Scalco
52% attività
20% attualità
20% socialità
CASTELL'ALFERO (AT)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Gentile Utente,
posso domandarle se la terapia che sta seguendo è esclusivamente farmacologica o se sia integrata da una parallela psicoterapia?

Le allego intanto una lettura per fornirle qualche ulteriore spunto di riflessione:
http://www.medicitalia.it/blog/psicologia/1852-ansia-prestazione-spectatoring.html

Saluti cordiali.

[#5] dopo  
Utente 350XXX

Iscritto dal 2014
terapia farmacologica seguita dallo psichiatra
[#6] dopo  
Dr.ssa Paola Scalco
52% attività
20% attualità
20% socialità
CASTELL'ALFERO (AT)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Fermo restando il suggerimento del dott. Izzo -che ribadisco e condivido- di far mettere in comunicazione lo psichiatra e l'andrologo, non le è mai stato suggerito o non ha mai pensato di provare ad affiancare ai farmaci un percorso di psicoterapia per affrontare la problematica ansiosa?
Cosa ne pensa in merito?

Saluti.