Utente 856XXX
sono un obeso di 157 kg. ho fatto tutti gli esami per fare l'intervento bariatrico. mi hanno fatto la tac all'aorta e il referto dice: marcata ectasia dell'aorta ascendente d. mx. 5,5X5,6 all'altezza della radice aortica. non segni di dissezione. Moderata ecstasia dell'arco (3,5cm) Circoscritta ectasia del tratto prossimale dell'aorta discendente (3,4X3,9 cm) tronco anonimodi 2 x 2,20 cm. niente altro di rilevante. Il cardiochirurgo del reparto obesi ha dato il nulla osta per l'intervento bariatrico perche' dice che per una migliore riuscita all'operazione al cuore devo perdere kg dai 30/40. Faccio bene a fare prima l'intervento bariatrico??? Mi hanno sempre detto che il mio cuore era un cuore grosso. cosa vuol dire!!! In una persona con il cuore grosso puo' avere anche la dimensione dell'aorta superiore a lle misure standard? e se si quali sono le misure dell'aorta in un cuore grosso.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
62314

Cancellato nel 2008
E' vero che le dimensioni delle camere cardiache e dei grossi vasi sono varaibili anche a seconda dell'altezza e del peso della persona (cioè della sua superficie corporea): in condizioni non patologiche, un'aorta di un uomo alto 1.90 m e di 90 Kg è più grande dell'aorta di una donna di 1.60 m e di 50 Kg....
Esistono però dei limiti normali al di là dei quali le dimensioni dell'aorta sono considerate patologiche indipendentemente dalla superficie corporea della persona: tale valore è intorno ai 50 mm di diametro. La sua radice aortica, ovvero il primo tratto dell'aorta ascendente, è 55 mm, quindi oltre il limite suddetto.
In certi casi inoltre, per es se la valvola aortica è bicuspide o se il paziente ha la sindrome di Marfan (un'alterazione congenita del connettivo)l'indicazione all'intervento si pone già quando l'aorta è circa 45 mm.
Quindi senza dubbio nel suo caso sussiste l'indicazione chirurgica alla sostituzione della radice aortica (intervento sec. Bentall o sec. David): ritengo che i rischi operatori e sopratutto postoperatori si riducano notevolmente se lei perde peso.
Secondo me non esistono reali controindicazioni, sulla base di quello che lei mi ha detto, ad eseguire prima l'intervento addominale e, in un secondo tempo, una volta che lei abbia perso almeno 30 Kg, l'intervento cardiochirurgico.
Mantenga la pressione a livelli accettabili (l'ottimale sarebbe intorno ai 120/80).

cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 856XXX

Iscritto dal 2008
la ringrazio della sua cortese risposta