Utente 857XXX
Buongiorno, circa due mesi fa per la prima volta e da un giorno all'altro il glande ha cominciato a spellarsi. Pensando a qualcosa di passeggero mi son limitato a lavarmi con più attenzione e con detergenti intimi (prima usavo il normale bagnoschiuma) e la spellatura è scomparsa in un paio di giorni. In compenso il glande ha cominciato ad essere secco, arrossato (particolarmente in punta e alla base del glande) e molto spesso dopo l'erezione la pelle diventa molto raggrinzita, in aggiunta a questi sintomi di tanto in tanto ho pure un leggero fastidio ai testicoli, che sparisce solitamene in qualche minuto, fenomeno che però man mano che passa il tempo succede sempre più raramente. Il mio medico di zona aveva pensato alla candida, prescrivendomi il Pevaryl e dicendomi di ricorrere a un dermatologo nel caso i sintomi non fossero cessati o migliorati entro una settimana. Non avendo avuto alcun risultato mi son rivolto a un dermatologo (1 settimana fa) che mi ha detto di non notare nulla di particolarmente grave e che probabilmente si tratta di una balanoplastite. Mi ha prescritto una crema da usare due volte al giorno (Cicalfate) e di lavarmi con un olio (Oleoderm Repair) e mi ha detto di richiamarlo nel caso non ci fosse stato un miglioramento. Ad una settimana dall'inizi odel trattamento non ho ancora notato alcuna variazione, volevo sapere 1- se è normale non avere risultati in così breve tempo (neanche risultati minimi) 2- Se devo cominciare a pensare che il problema non sia dermatologico, ma che ciò che vedo è il risultato di un problema di altro tipo 3- Quanto tempo mi consigliereste di attendere prima di richiamare il dermatologo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Quarto
44% attività
16% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
caro utente, le consiglio di seguire i consigli del suo dermatologo e nel caso di dubbi di rivolgersi a lui
[#2] dopo  
Utente 857XXX

Iscritto dal 2008
Lo farò sicuramente, ma essendo il dermatologo un privato volevo quantomeno avere un'idea di quanto tempo dovrei attendere prima di vedere dei miglioramenti (nel caso la diagnosi fosse giusta), in modo da poterlo chiamare appena capisco che il trattamento non sta funzionando, senza dover spendere i soldi per un'altra visita quando magari ho semplicemente aspettato troppo poco.