Utente 404XXX
Buonasera, scrivo per conto di mio padre, un uomo di 60 anni che a novembre 2015 ha subito la frattura dell'olecrano al gomito sinistro. La frattura è stata operata bloccando l'osso con il cerchiaggio con fili di Kirshner, e dopo gli è stato consigliato di iniziare subito una terapia riabilitativa per recuperare la funzionalità del gomito. Purtroppo, nonostante i dolori e l'insistenza dei fisioterapisti, durante questi mesi la motilità del braccio è peggiorata, soprattutto in flessione, dove il braccio praticamente non supera i 90°. Gli è stato consigliato anche di utilizzare il kinetek e di fare fisioterapia in acqua, ma le sue condizioni non sono migliorate. Ha così deciso di fare dei consulti da vari ortopedici, dopo aver fatto una radiografia della situazione attuale del gomito e una TAC, che però non hanno fatto altro che confondere ancora di più le idee, in quanto alcuni gli hanno detto che sarebbe stato necessario un altro intervento chirurgico, mentre un altro gli ha consigliato di insistere soltanto con la fisioterapia. Al momento non sappiamo come comportarci, e spero in un aiuto in questo forum.
Nell'attesa, grazie in anticipo per le risposte.
[#1] dopo  
Dr. Giuseppe Internullo
36% attività
4% attualità
16% socialità
GELA (CL)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2009
Il suo papà è molto giovane ancora. Per poterle dare un consiglio disinteressato sarebbe utile valutare le radiografie e poterle dire cosa fare viste le diverse campane che lei ha ascoltato. da novembre posso dire sono solo tre mesi quindi potrebbe anche starci il quadro clinico attuale.
[#2] dopo  
Utente 404XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio per il suo intervento dottore, e mi scuso se non ho risposto prima. In ogni caso, mio padre, dopo una visita all'istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, ha scoperto che si era creata una protuberanza ossea dovuta ad una calcificazione eccessiva, una complicazione che, a detta dell'ortopedico che l'ha visitato, può capitare a determinate persone.

In ogni caso è stato sottoposto nuovamente ad intervento chirurgico e ora il braccio ha acquisito una mobilità maggiore. Purtroppo non è più tornato completamente alla normalità, ma questo, a detta del medico, è solo una questione di fisioterapia. Si spera che possa tornare come era prima.