Utente 398XXX
3 mesi fa sono stato sottoposto a ricostruzione lca con tecnica St-g e selezione meniscale esterna. premetto che sono riuscito ad abbandonare le stampelle solo dopo 6 settimane in quanto avvertivo un dolore in zona mediale che anche l'ortopedico non riusciva a capire,ma con laser e altre terapie si è risolto. ho effettuato anche una rm:accenno gonartrosico ed ancora lieve condropatia tricompartimentale senza elementi di sofferenza subsubcondrale con ancora sostanziale rispetto degli assi.
permangono residui edemigeni postcontusivi sul versante posteriore del piatto tibiale esterno ed apparente eccessiva trazione sull'innesto distale del neo lca, di questo se ne riconosce ancora la continuita' strutturale, lo spessore ed un buon segnale con lieve diminuzione del grado di tensione in verosimile elongazione . i menischi dimostrano degenerazione e riduzione di spessore, in particolare il corpo esterno tende all'estrusione nella componente residua. ridotto il trofismo del sistema estensore. discreto l'accumulo fluido intrarticolare che distende il comparto anteriore.
attualmente ho i seguenti problemi:
-la zona sopra la rotula è ancora un po' gonfia....a 3 mesi anche il fisioterapista dice che è un po' anomalo!!
- zoppico ancora un po' in quanto sento come una occlusione nella zona sotto la rotula soprattutto nella prima parte del piegamento del passo....è normale zoppicare dopo 3 mesi??
-è possibile come dice la rm che il nuovo lca sia troppo teso e mi crei qs disturbi??
- come estensione direi che ho quasi tutto mentre flessione sono a 130
mi potete dare un vs parere grazie

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Paolo Sailis
36% attività
12% attualità
16% socialità
CAGLIARI (CA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Gentile signore,

e' difficile che una RMN possa valutare la tensione del neoligamento, puo' studiarne il posizionamento e la vitalita'.
Il suo decorso post-operatorio e' nei limiti della normalita', la zoppia puo' essere legata ad una rieducazione al passo non completa, visto che comunque lei riferisce di avere raggiunto l'estensione articolare completa.
Le consiglio di valutare i problei col chirurgo dal quale e' stato operato e di intensificare il programma di riabilitazione.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
Grazie x la risposta!!!la settimana prox ho il controllo con l'ortopedico e vediamo cosa ne pensa di questo blocco che avverto da 2 mesi sotto la rotula e anche con 3 sedute settimanali di fisio+piscina 1 volta a settimana non vuola andarsene!!!
[#3] dopo  
Utente 398XXX

Iscritto dal 2015
gentile dottore, torno a scrivere dopo 14 mesi dal primo intervento e dopo aver effettuato 1 mese fa un nuovo intervento di artrolisi.
riassumo brevemente la situazione che ormai mi ha portato ad una situazione psicologica molto difficile:
dopo aver effettuato tutta la riabilitazione dopo 6 mesi dalla ricostruzione l'ortopedico mi dice di provare a giocare a tennis seppur io gli avevo fatto presente tutte le difficolta' che avevo anche nella vita quotidiana, nello specifico quando piego la gamba (per esempio mi siedo, mi alzo o anche al semplice cammino in discesa o corsa) avverto una forte tensione nel ginocchio soprattutto a livello della rotula con molti scroscii e avverto come se qualcosa toccasse sotto la rotula.
a 9 mesi dall'intervento mi rivolgo ad altro ortopedico che mi dice che il nuovo lca e' stato posizionato troppo posteriore quindi mi crea qs forte tensione, ma secondo lui non era il caso di operare in quanto con il tempo si sarebbe cmq allentato.
effettuo altra visita da altro ortopedico che mi dice che guardando la risonanza non vede particolari anomalie nel posizionamento e riscontra mancanza 3/5 gradi in estensione e -15 gradi di flessione e ipotizza formazioni di aderenze.
con le idee un po' confuse torno dall'ortopedico che mi ha operato facendo presente tutte le mie difficolta' e perplessita' il quale mi propone una artroscopia diagnostica e di eventuale pulizia in quanto sotiene che lca sia stato posizionato in maniera corretta.
durante l'intervento viene asportata della fibrosi che si era creata sopra lca che secondo l'ortopedico mi impediva l'estensione completa e logicamente conferma il buon posizionamento del lca.
dopo aver effettuato un altro mese e mezzo di fisioterapia la mobilita' e' migliorata sia a livello di estensione che di flessione, ma persiste la forte tensione che avverto nella fase di flessione attiva del ginocchio soprattutto a livello della rotula.
al momento ho l'estensione completa (faccio piu' fatica nell'iperestensione) e anche la flessione e' migliorata.
- volevo chiedere se sulla base dei miei sintomi e ormai trascorsi 14 mesi e' verosimile l'ipotesi del mal posizionamento e conseguente eccessiva tensione??
- inoltre stavo ragionando sulla possibilita' di una revisione ma un nuovo ortopedico me l'ha sconsigliata vivamente avendo io cmq una buona mobilita'?
resto in attesa e ringrazio anticipatamente