rosso  
 
Utente 404XXX
Buon giorno, sono circa 10 giorni che ho un dolore alla zona dello scafoide/inizio pollice.
Pratico diversi sport, ma non mi sono accorto di un dolore durante un'attività, è iniziato a farmi male così da un giorno all'altro.
Non è gonfio, neanche rosso, ho solo dolore nelle prese, a stringere, ecco in questi movimenti faccio molta fatica.
Se schiaccio nella zona chiamata tabacchiera non sento male, il dolore lo sento (abbastanza forte) se schiaccio il bordo di quella zona, dove c'è il tendine.
Vi chiedo, anche se non è gonfio o rosso, può trattarsi di qualche micro frattura?
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Il "gonfio o rosso" puó essere un segno di infiammazione ma non necessariamente di "microfrattura". Se non ricorda di aver subìto un trauma è poco probabile che si tratti di una frattura : è più probabile che sia un problema a carico del tendine (De Quervain?) oppure della articolazione sottostante (rizoartrosi?). Si potrebbero fare altre 3 o 4 ipotesi, ma, proprio perché tali, non sarebbero di alcuna utilità: non è possibile esprimere un parere su un quadro clinico sconosciuto solo leggendo la Sua descrizione : se il dolore persiste è necessario che si rivolga al Suo medico curante, che è il Suo primo punto di riferimento per qualsiasi problema di salute, il quale, dopo averLa visitata, deciderà se è quali accertamenti occorrano.
Cordiali saluti
Umberto Donati, MD
[#2] dopo  
Utente 404XXX

Iscritto dal 2016
Grazie, allora do tempo ancora una settimana, se non diminuisce vado dal medico.
Ma in questi casi poi è meglio una radiografia o ecografia?
[#3] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Qualsiasi accertamento viene deciso dal medico dopo aver visitato il paziente, perché serve esclusivamente a lui (=medico) per confermare o escludere un'ipotesi diagnostica oppure per approfondire una diagnosi già fatta. Per questo ho scritto che il medico "dopo averLa visitata, deciderà se e quali accertamenti occorrano" .
Cordiali saluti
Umberto Donati, MD