Utente 406XXX
Gentili medici, vi scrivo in quanto sono preoccupato per la situazione del dito anulare della mia mano sinistra.
Sono un musicista, in particolare bassista. Il trauma che ho riportato nel titolo ha avuto origine da uno sforzo eccessivo che ho esercitato sulla tastiera del mio strumento, e che ho effettuato non con la punta del polpastrello, ma con la parte palmare della falange distale.
Appena ho avvertito dolore ho subito smesso, in quanto pensavo fosse il classico "nervo accavallato" , e difatti nei giorni successivi, a volte il bruciore passava, mentre altre volte tornava.. e non gli ho dato peso.Inoltre riesco perfettamente a muoverlo e a suonare lo stesso, quindi aspettavo semplicemente che il bruciore passasse.

A 10 giorni dall'accaduto, sospinto dalla preoccupazione, ho effettuato una ecografia, il cui responso è stato il seguente:"Si apprezza alla IFD disallineamento dei capi articolari con protrusione anteriore della testa della falange intermedia per possibile quadro di sub-lussazione".
Sono stato quindi mandato subito a fare una radiografia RX della mano e del dito, che però non ha evidenziato alcuna problematica (anche se, dovendo dare un mio parere da profano, sembrerebbe quasi che la falange distale si angoli maggiormente verso l'alto quando il dito è messo in tensione... e ciò spiegherebbe magari il bruciore che avverto nella parte palmare, nel punto in cui si trova l'articolazione).

Devo inoltre specificare che in situazioni di bassa temperatura, quando la mano perde di sensibilità a causa del freddo, il bruciore non lo percepisco più.
Volevo dunque capire se la diagnosi che mi è stata fatta è sbagliata e si tratta solo di un dolore passeggero, oppure se effettivamente si tratta di sublussazione e devo intervenire in qualche modo. E sopratutto, nel caso non sia possibile rimettere a posto l'articolazione senza compromettere la capacità motoria del dito (che a me serve data la mia professione di musicista), vi chiedo se lasciando la situazione in questo modo rischio di lesione i tendini e/o l'articolazione del dito.
Ormai sono quasi 2 settimane che ho continuato a suonare e a svolgere abitualmente tutte le mie attività "manuali" .
Spero di non aver compromesso nulla.. oggi nel frattempo ho deciso di steccarlo in maniera casalinga sperando di dargli maggiore stabilità per qualche giorno.
In attesa di un vostro riscontro, che spero sia celere ed esaustivo, vi porgo cordiali saluti e vi ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

difficile per noi darle un consiglio sul da farsi: questo, infatti, è consequenziale a una precisa diagnosi.

La diagnosi, va fatta direttamente sul paziente e non può essere fatta a distanza.

Buona giornata.
[#2] dopo  
Utente 406XXX

Iscritto dal 2016
Gentile Dr. Leccese,
capisco che la diagnosi non può essere fatta a distanza, ma non si potrebbe quantomeno escludere la lussazione, dato che non vi è tumefazione ma solo quel leggero bruciore di cui parlo sopra e la piccola protrusione sul lato della zona interfalangea palmare?
Se volessi adoperare una crema per far passare il dolore e far rientrare la protrusione, cosa posso utilizzare?
Voltaren e Flector sono pomate adatte al caso?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Alla lussazione credo poco o nulla, ma non posso escluderla in assoluto per i motivi sopra detti.

Localmente può usare quelle o altre creme simili.