Utente 406XXX
Salve, sono un padre preoccupato per il figlio. (I dati da me inseriti,ovviamente ad eccezione dell'età,sono quelli di mio figlio)
Mio figlio, 15 anni, presenta la mancanza della discesa nella sacca scrotale del testicolo sinistro e, leggendo vari articoli su internet, ho realizzato che il criptorchidismo è una condizione che può portare gravi problemi sia in età adolescenziale sia in età adulta. Inoltre nella maggioranza degli articoli veniva detto che il criptorchidismo andava curato tra i 12 e i 24 mesi di vita. Vorrei sapere da voi se attraverso qualche intervento o trattamento ci sia la possibilità di collocare il testicolo ritenuto nella posizione corretta. Inoltre, può il sovrappeso aver indotto il criptorchidismo o la risalita del testicolo? Circa 5 anni fa portai mio figlio da un andrologo il quale mi assicurò che la condizione di mio figlio dipendeva dal peso in eccesso e dal grasso che ostruiva la discesa del testicolo. Come devo agire? Farlo visitare da un altro andrologo?
Grazie per l'attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
-vi è la possibilità di riportare chirurgicamente il testicolo criptorchide in sede; vi sono purtroppo buone possibilità che la funzione di produzione di spermatozoi da parte di quel testicolo sia alterata, mentre è verosimile che la produzione dell'ormone testosterone sia conservata. Il senso di riportare il testicolo nello scroto è soprattutto di controllare direttamente il testicolo anche mediante la autopalpazione (rischio aumentato di degenerazione rispetto ad untesticolo normale).
-Escluderei che il sovrappeso abbia indotto il criptorchidismo o la risalita del testicolo
-Concordo con l'idea di far visitare suo figlio da un altro andrologo.
[#2] dopo  
Utente 406XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio per la risposta immediata, ma ora mi sorge un dubbio: qualora riportassero in sede il testicolo criptorchide e la funzione di produzione di spermatozoi risultasse alterata ciò comprometterebbe in maniera rilevante la fertilità di mio figlio? Se fosse così,sarebbe meglio rimuovere mediante intervento chirurgico il testicolo o la capacità di produzione di spermatozoi del criptorchide non influisce sulla capacità di produzione del testicolo sano? Poiché in vari articoli venivano riportati casi in cui il mantenimento del testicolo criporchide avesse portato una minore fertilità anche al testicolo sano.
Ringrazio nuovamente per l'attenzione.
[#3] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
La ridotta efficienza del testicolo ritenuto non influenza l'efficienza dell'altro testicolo. Asportarlo o no: decisione da affidare alla valutazione dell'Andrologo cui vi rivolgerete.