Utente 860XXX
buonasera egregi dottori

ho 28 anni e vorrei porvi alcuni quesiti che da sempre mi provocano dubbi e pensieri.

in primo luogo, con il pene in erezione il glande rimane coperto. è una cosa normale?
il problema principale credo però sia un altro: una volta che si scopre, e ciò avviene con qualche, seppure minima, difficoltà, il prepuzio non è in grado di "scorrere" normalmente, ma si blocca al di sotto del glande, creando peraltro una sorta di strozzatura, ed è sempre necessario che io intervenga manualmente per rimetterlo a posto.
essendomi informato, credo si tratti di una qualche forma di fimosi, credo non grave, visto che il glande si scopre interamente e senza provocarmi dolore, ma solo un leggero fastidio.
in ogni caso vorrei sapere se questo strozzatura e questa difficoltà di scorrimento possano anche comportare una diminuzione della sensibilità.
non ho mai avuto particolari problemi nella mia vita sessuale, ma il dubbio che si tratti di una cosa non del tutto normale ritorna periodicamente.

ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,
la sua è una situazione anatomica che deve essere attentamente valutata in diretta e da un esperto andrologo . Solo in questo modo sarà possibile capire il tipo e il grado della "strozzatura" da lei lamentata. In attesa di una valutazione andrologica diretta se desidera avere ulteriori informazioni su questo tema può trovarle nell'approfondimento redatto dal collega Maio al seguente indirizzo: http://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=42220.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com
www.andrologiamedica.org

[#2] dopo  


dal 2010
ringrazio innanzitutto il dr Beretta per la sollecita risposta.

oggi mi sono recato da un urologo per un controllo. mi è stata riscontrata una brevità del frenulo ma non una fimosi e mi è stata prescritta una crema lubrificante da utilizzare sia per una sorta di "ginnastica", sia durante il rapporto sessuale. nel caso il problema persista e mi crei particolari problemi, mi è stata consigliata una frenuloplastica, ma assolutamente non operazioni diverse, quali la circoncisione, considerate del tutto superflue ed eccessive nel mio caso.

ora, io non voglio asssolutamente pensare che la diagnosi sia errata, ci mancherebbe altro. credo inoltre sia normale effettuare il controllo a pene flaccido, condizione che non ha mai limitato lo scorrimento del prepuzio sul glande, anche se io i problemi li riscontro durante l'erezione, con il prepuzio che una volta abbassato sotto il glande fa molta fatica a risalire e crea quella specie di strozzatura.

quello che mi lascia un pò perplesso è che, come mi è stato detto, il frenulo corto potrebbe essere causa di eiaculazione precoce, ma io credo di "soffrire" del problema opposto, vale a dire di una sorta di minore sensibilità, che si manifesta ad esempio in occasione del sesso orale che, mio malgrado, non mi ha mai fatto raggiungere l'orgasmo.

in definitiva, appurato che non ho bisogno di operazioni e che la situazione non è grave, sebbene non del tutto normale, ma di certo non drammatica (cosa di cui peraltro non dubitavo, posto che la cosa non mi ha mai creato problemi seri), la mia domanda è la seguente: da un punto di vista medico, è possibile che la leggera strozzatura che si crea e la difficoltà di scorrimento del prepuzio siano effettivamente causa di una minore sensibilità? o si tratta solo di problemi psicologici?

grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
se stiamo alle considerazioni cliniche e alle indicazioni date dal collega che l'ha valutata in diretta, anche quest'ultimo problema da lei sollevato sembra avere un forte componente funzionale e quindi psicologica.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
www.centromedicocerva.it
www.centrodemetra.com