Utente 406XXX
Salve, vorrei esporvi un problema che mi si è presentato nelle ultime settimane. Dopo essere stato con la mia attuale ragazza per 2 mesi, abbiamo deciso di "passare oltre" e abbiamo programmato una serata da passare soli a casa mia. Io, che da settimane non mi masturbavo, per timore di avere un'eiaculazione precoce, l'ho fatto nei 3 giorni precedenti al rapporto e anche il giorno stesso. Dopo circa 20 minuti di preliminari, però, ho avuto problemi di erezione del pene che ha cominciato a diventare meno rigido, al punto da impedirmi la penetrazione, fino a diventare totalmente flaccido.
Ho sospeso la masturbazione per circa una settimana, ma successivamente ho riscontrato lo stesso problema durante la masturbazione, perché alle prime volte (da quando era successo tale fatto) al momento dell'eiaculazione il pene non era completamente eretto.
Ho pensato che fosse un problema psicologico e quindi ho cercato di tranquillizzarmi, così mi sono rasserenato..ma ieri sera sono stato con la mia ragazza e ho notato che, mentre lei mi toccava il pene,questo non era ben eretto e così mi sono preoccupato di nuovo. Preciso che negli ultimi 4 giorni mi sono masturbato. Ho paura che questo problema persista e che ci impedisca di avere una vita sessuale normale, e non riesco a darmi spiegazioni chiare. Aggiungo che in passato non ho mai avuto problemi di erezione e che al momento del rapporto "fallito" con la mia ragazza ero vergine, ma comunque ero sereno,non avevo nessuna ansia da prestazione e lei mi piace molto. Ho 18 anni e preferirei, se possibile, provare a risolvere il problema in maniera autonoma perché la cosa mi imbarazza un po'. Cosa devo fare? Perché mi sta succedendo questo? Grazie in anticipo per le vostre risposte, cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
con tutta questa preparazione fin dalla prima volta una sacrosanta ansia da prestazione le tocca di rigore. Faccia due chiacchere con bravo psicologo.
[#2] dopo  
Utente 406XXX

Iscritto dal 2016
Caro dottore, innanzitutto la rignrazio per avermi risposto, ma l'ansia da prestazione ormai credo di averla messa da parte, per questo ho chiesto il vostro aiuto. Mi chiedo se possa essere un problema di tipo fisico..ma purtroppo ho 18 anni e per me sarebbe un po' difficile e imbarazzante ricorrere allo psicologo. Spero che lei possa darmi un cosiglio, cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
l'ansia da prestazione ormai credo di averla messa da parte,
Se lo dice lei....
[#4] dopo  
Utente 406XXX

Iscritto dal 2016
Potrebbe darmi un consiglio concreto anziché prendersi gioco di me?
Così non mi aiuta per niente...
[#5] dopo  
Utente 406XXX

Iscritto dal 2016
Non c'è niente che possa fare oltre a rivolgermi a uno psicologo secondo lei?