Utente 406XXX
Ad oggi ho delle macchie persistenti sul glande e a volte ricoperte da una patina bianca che non viene via facilmente lavandola e problemi urinari abbastanza fastidiosi oltre che continui fastidi prostatici e bruciori anali; avendo effettuato circa due anni fa i tamponi balanoprepuziale e uretrale e una spermicoltura con spermiogramma, mi veniva riscontrata un'iniezione da enterococcus faecalis. Mi sono rivolto ad un andrologo che mi ha prescritto una cura con Tavanic amplital codex e diflucan, rifaccio il tampone di nuovo positivo e notavo che le macchie si sono fatte più rosse, allora mi prescrive aumentin più diflucan e codex più dermomync... Di nuovo positivo, dopodiché proviamo con undidrox più topster e prostamev plus con travogen e gentalin mischiati come pomata, di nuovo positivo, nel frattempo sempre su consiglio del medico utilizzo come pomata advabase e fisian pomata, alche essendo nuovamente positivo ho cambiato medico, rivolgendomi ad un importante dermatologo e venereologo, il quale ad oggi mi ha fatto fare un ciclo di eritromicina è un ciclo di taiper più disinfezione con permanganato di potassio e sofargen come pomata. Ad oggi la situazione è quella descritta all'inizio, ho 27 anni e non ce la faccio più a trovare la voglia di vivere, non so più a chi rivolgermi, ho speso migliaia di euro e non ho avuto diagnosi precise, al più mi viene detto che non è niente, quando si vedono chiazze e secrezioni sul glande, ci sono analisi positive ed ho ristagni di urina. per piacere un consiglio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Gentile utente
in tale situazione, io ripartirei da zero. Basta fare terapie empiriche. Ripeterei esami colturali (esame urine, urinocolture, spermiocolture con ricerca di batteri comuni e non comuni, tampone uretrale, tampone glande). Solo con i risultati di questi esami e se ha problemi uretro-prostatici, rifarei una visita specialistica urologica presso un altro urologo. Non a caso ma cerchi di farsi consigliare sulla scelta, se è possibile. Sarà lui a rivalutare il tutto e a prescriverle una visita dermatologica se ce ne fosse bisogno.
Il mio consiglio è affidarsi ad uno bravo e seguire lui solamente.
Spero di averla aiutata. Mi faccia sapere. Cordiali saluti