Utente 393XXX
Salve,
Ho recentemente intrapreso una terapia con Levofloxacina (500 mg/5 giorni/1 volta al giorno) per l'eradicazione di S.aureus VRSA dal naso, dopo riscontro di un tampone nasale positivo.
Mi era stato prescritto l'antibiotico per 10 giorni, ma non ho sopportato la terapia.

Durante l'assunzione del farmaco si sono presentati già dal primo giorno degli incubi disturbanti piuttosto realistici e al terzo ho cominciato ad accusare nausea. Dopo poche ore ho vomitato così intensamente e avuto delle scariche di diarrea che si è reso necessario per prevenire la disidratazione utilizzare Plasil e Imodium. Ho comunque continuato la terapia fino a cinque giorni.

Sono passati sei giorni dalla sospensione del farmaco. Da allora nonostante abbia prontamente integrato con multivitaminici e fermenti lattici probiotici ho diverse problematiche gastrointestinali, fra cui un senso di nausea (senza causa apparente) e bruciore di stomaco, soprattutto nelle prime ore del mattino e del pomeriggio. Sembra apparentemente lenito dopo aver mangiato. Inoltre mi sento molto stanca, continuo ad avere problemi a dormire (pur senza gli incubi) e accuso fastidi visivi maggiori che in precedenza (ne soffrivo già). Sono anche inappetente.

Mi chiedo se a distanza di sei giorni sia possibile attribuire questa sintomatologia agli effetti collaterali dell'antibiotico e quanto tempo ci potrebbe volere perché terminino.

Cordiali saluti.
[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
gentile utente
dopo 6 giorni di sospensione dall'anticiotico non dovrebbero verificarsi questi effetti collaterali,sarebbe utile rivalutare il disturbo di base