Utente 402XXX
Buongiorno, torno a scrivere dopo aver letto l'articolo del Dott. Cavallini http://www.medicitalia.it/blog/andrologia/357-deficit-erettivo-fuga-venosa-araba-fenicia.html?refresh_ce
al quale vorrei chiedere se ritiene possibile che la fuga venosa possa manifestarsi come conseguenza di una lesione (trauma) di terminazioni nervose dovuta ad un'operazione di frenulectomia (di cui ho scritto in una precedente richiesta su questo sito)

Da tempo soffro di disfunzione erettile, in particolare quando raggiungo l'erezione non riesco a mantenerla perchè "se ne va" quasi subito, e ho intrapreso un percorso per escludere i diversi fattori (incluso quelli psicologici) che possono determinare questa mia condizione.
Ho effettuato anche un ecocolordoppler dinamico (caverject), il cui referto è stato:
"Esame condotto in condizioni basali e dopo iniezione di 10 mcg di PGE1, previa acquisizione di consenso informato.
Corpi cavernosi normoconformati.
Arterie cavernose ben visualizzabili, decorso tortuoso.
Dopo FIC, dilatazione e rettilineizzazione delle arterie cavernose che appaiono pulsanti.
Risposta erettile ottima per tumescenza e rigidità (EAS 5), senza deviazioni dell'asse penieno.
Studio flussimetrico:
PS ottimale
IR bilateralmente ottimale"
Ho inoltre un dubbio in merito a questo referto, che vorrei chiedere se è possibile chiarirmi: l'esame è stato svolto senza che il pene arrivasse a raggiungere una rigidità massima, può questo fatto essere limitante in termini di diagnosi o no, in quanto ciò che si valuta è la semplice risposta "istantanea" al farmaco?
Un esame del genere esclude OGNI eventuale problema di tipo circolatorio o solo una parte di questi (es. solo quelli arteriosi)?
Ovviamente proseguirò il mio percorso di diagnosi e cura affidandomi ai consigli dell'Andrologo dal quale sono seguito, ma mi piacerebbe avere un Vostro parere a riguardo.
Grazie mille (... E buone feste!)

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,escludo nella maniera più assoluta che una frenulectomia possa dare luogo ad una fuga venosa,verso la quale ho dubbi storici,spesso legati ad una diagnosi errata.Continui a seguire i consigli di un andrologo reale e non virtuale.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr. Edoardo Pescatori
44% attività
12% attualità
20% socialità
REGGIO EMILIA (RE)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile lettore,
il referto doppler che ci ha trascritto esclude la possibilità di disfunzione veno-occlusiva ("fuga venosa"). Concordo inoltre con il Dott. Izzo sulla non possibile relazione tra frenuloplastica e disfunzione veno-occlusiva.