Utente 860XXX
Salve a tutti,
vedo che i dottori di questo forum sono molto disponibili..e forse solo da loro potrei sfogare la mia rabbia.. come è possibile che un chirurgo prima dell'operzione del varicocele non avvisi il suo paziente della possibile perdità della rigidità del pene o della difficoltà a mantenere un'erezione? ho notato che su questo forum molti hanno avuto il mio stesso problema... dopo quell'operazione la mia vita è andata distrutta..il sesso era fondamentale per star bene.. bastava avere vicino una ragazza per avere un'erezione che non terminava fino a quando non si consumava il rapporto...ora sono solo ricordi..e lo noto visibilmente che il mio pene non si gonfia come prima..neanche se mi masturbo... il mio medico di famiglia dice che quelle vene sono state legate con un filo, posso farmi operare di nuovo per farmi togliere quel filo? preferisco tenermi il fastidio del varicocele che vivere una vita senza sesso o addirittura dipendere da farmaci per avere un'erezione come prima..scusate la mia rabbia ma voi dottori maschi potete capire quanto è frustrante per un maschio privarsi dell'unico piacere della vita..sono a pezzi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,da andrologo maschio Le dico che non esiste alcun rapporto tra l'intervento di varicocele e la disfunzione erettile.Considerando lo stato in cui versa,credo che sia giunto il momento di consultare un esperto andrologo (Bologna e' ricca di Eccellenze).Tutto il resto e' fantasia.Ci aggiorni,se ritiene.Cordialita'.
[#2] dopo  
Utente 860XXX

Iscritto dal 2008
Grazie della risposta dottor Izzo,
eppure leggendo questo forum ho notato che altri ragazzi riferiscono il mio stesso problema dopo l'operazione..e alcuni dottori di questo forum affermano che sia possibile il rapporto tra l'intervento e la disfunzione erettile...
[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...ogni medico ha le sue esperienze...ribadisco con forza quanto affermato.Cordialita'.
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
caro lettore,

spesso, maschi affetti da varicocele sinistro ( patologia del sistema venoso con rilevante componente familiare) hanno problemi venosi in altri distretti corporei ( retto-ano: emorroidi, gambe:vene varicose....).
Anche l'erezione, per manifestarsi in piena "efficienza", ha bisogno di un complesso sistema venoso capace di bloccare il deflusso di sangue dai corpi cavernosi del pene. Tali problemi erettili cominciano a manifestarsi nella tarda adolescenza ,giovinezza, che corrisponde al momento in cui può essere diagnosticato e trattato un varicocele.
Si tratta quindi di sola coincidenza temporale. L'operazione per il varicocele non può determinare nulla a carico dell'erezione.
E' abbastanza regolare che il soggetto che scopre di avere problemi di erezione, comincia a sviluppare uno stato di incertezza, ansietà....che vanno a peggiorare ancora la qualità dellìerezione
Consulti un valido andrologo. anche su www.andrositalia.org potrà trovare qualche nome a lei vicino
cari saluti
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egregio signore,
non vi è alcuna relazione fra varicocele e deficit erettiovo. Entrambi sono problemi frequenti per quello ha trovato diversi coetanei che soffrono dello stesso problema. Si vaccia vedere dal suo andrologo di riferimmento