Utente 360XXX
Buonasera dottori, vi scrivo per riportare il risultato dell'eco di controllo di mio babbo, operato tre anni e mezzo fa di ka al colon, terzo stadio A (un linfonodo coinvolto). All'ultimo esame effettuato in ottobre, erano stati riscontrati in ecografia una piccola ciste sottocentimetrica a livello del VI segmento. A livello del V, invece, e da lì gli esami più approfonditi, era stata rilevata una lesione focale ipoecogena di circa 12 mm non tipizzabile in b mode. E' stata fatta un eco a contrasto e successivamente una tac che hanno confermato che si tratta di un angioma...secondo la tac, anche la piccola ciste è un angioma...vi allego il risultato della stessa:
A livello del V segmento in sede sottocapsulare, si conferma la presenza di una piccola lesione focale del diametro di 13 millimetri, iperdensa in fase arteriosa, che non mostra wash-out in fase tardiva. Altra piccola lesione di 5 mm nel VI segmento con le medesime caratteristiche.
ED ecco ora il risultato della eco di oggi:

Sono presenti due immagini ovalari ipoecogene di cui una nel v segmento di 8 mm e una nel VI segmento di 10 mm, reperti già caratterizzati come angiomi da tac con mdc del 13 novembre 2015.

Come si vede Tutto ad un tratto nell'ultima eco l'angioma più grande che era nel v segmento, è diventato piccolo...solo 8 mm...e quello piccolo, circa 5 millimetri, è diventato 10. E' possibile che il dottore nel trascrivere, abbia invertito i segmenti? più che altro ci preoccupa l'angioma di 5 millimetri che in neanche 5 mesi, sarebbe diventato 10...potrebbe essere normale? Grazie e scusate l'eccessiva paranoia, ma forse potete comprendere. Silvia
[#1] dopo  
Dr. Alessandro D'Angelo
48% attività
4% attualità
16% socialità
TAORMINA (ME)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Angiomi e cisti non sono tumori maligni.
L'angioma potrebbe crescere ma non sarebbe preoccupante.

L'ecografia è con il mezzo di contrasto? Questa metodica è ottima e poco cruenta per fare diagnosi differenziale.
[#2] dopo  
Utente 360XXX

Iscritto dal 2014
Innanzitutto dot. D'Angelo la ringrazio di cuore per il suo intervento. Circa la sua domanda, l'eco con contrasto l'aveva fatta circa 5 mesi fa per definire l'angioma piu' grosso che era anche considerato quello sospettato, l'altro no, perché l'ecografia lo aveva valutato una ciste semplice. Successivamente è stata fatta anche la tac per maggior sicurezza che ha definito entrambi angiomi. In questa occasione è stata quindi fatta solo un eco classica perché secondo i medici il responso precedente è più che sufficiente, anche se come le ho detto l'angioma più piccolino è passato da 5 a 10 mm (ed è quello che è stato valutato tale solo dalla tac con m.d.c). L'iter diagnostico seguito è secondo lei corretto? La tac ha la stessa sensibilità dell'eco a contrasto? Grazie ancora di tutto. Buona giornata