Utente 446XXX
Buonasera e ringrazio anticipatamente chi potrà darmi una mano a risolvere questo dilemma.

Mia suocera si è operata di cataratta 11 mesi fa, presso l'ospedale di Marino (RM) sotto consiglio dell'oculita che le aveva individuato un principio di cataratta.
Mia suocera non ha mai utilizzato occhiali da vista ed abituata a vedere da vicino piccoli dettagli, si ritrova attualmente con una grande difficoltà: dopo l'operazione subìta, la sua vista all'occhio operato è peggiorata, non vede bene i dettagli da vicino e soprattutto ha da sempre lamentato un "qualcosa che si muove" all'interno dell'occhio.
Questo movimento le coincide con uno sfocamento della vista, che non passa facilmente se non con un assestamento che cerca di ottenere massaggiandosi la palpebra chiusa con le dita ( e il risultato è temporaneo).

Eseguite le visite di controllo do routine post operatorio (in cui già aveva fatto presente tale fastidio), continuò a lamentare questa cattiva visione dall'occhio operato ed è tornata in ospedale per parlare con chi l'aveva operata.
Dato che il suddetto medico si è rivelato anche scortese nei suoi confronti, mia suocera si è rivolta anche ad altri oculisti che le hanno risposto o di aspettare ancora un po'(?!?!) o che era tutto normale.

il fatto è che a distanza di quasi un anno la situazione non si è risolta e la signora in questione è sempre più agitata, perchè teme che l'operazione le abbia causato più danni che vantaggi.

Ora mi premerebbe sapere anzitutto se tale situazione rientra nella norma oppure, come temo, l'operazione abbia avuto un esito infausto.
Come facciamo a capire se l'operazione è andata regolarmente e il problema è quindi legato ad altro (anche se non immagino cos'altro..)?
Cosa dobbiamo chiedere specificamente all'oculista di controllare affinchè si capisca quale sia il vero problema della cattiva visione?

vi ringrazio ancora
codiali saluti
[#1] dopo  
Prof. Luca Iacobelli
24% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 24
Iscritto dal 2010
Buongiorno
lei deve escludere patologie dell'occhio che giustifichino una scarsa visione quali glaucoma, maculopatia, ecc con esami specialistici
Probabilmente non vede bene per un banale problema di occhiali che il suo oculista le darà.
Il qualcosa che si muove è spesso il gel vitreale che è dentro l'occhio che si è un pò addensato ma è un fenomeno normale, fisiologico a cui non darei peso.
Io mi farei prescrivere intanto occhiali e farei esami quali OCT e campo visivo per escludere patologie tipiche dell'anziano. A presto
[#2] dopo  
Utente 446XXX

Iscritto dal 2007
Gentile dott. Iacobelli,
La ringrazio infinitamente per la sua gentile risposta.
In una delle visite oculistiche subìte proprio per questo problema, un oculista ha prescritto a mia suocera degli occhiali che ha subito acquistato.
Il problema però non è risolto con gli occhiali.
Lei anzitutto è amareggiata perchè si ritrova ad usare occhiali che non ha mai necessitato di avere, nonostante abbia subìto un'operazione che avrebbe dovuto farla vedere meglio!
Se non erro, poi, l'esame OCT e Campo visivo li ha fatti (controllerò meglio tra i suoi documenti) ma non hanno evidenziato nulla!

In merito al gel vitreale addensato, è possibile che la sfocatura della sua visuale sia dovuta a quello!?
Lei in effetti lamenta questa cattiva visione soprattutto in concomitanza del movimento "del qualcosa nell'occhio" ...

la ringrazio ancora,
cordiali saluti