Utente 862XXX
Buongiorno. Ho 48 anni e assumo EFEXOR da quattro anni. Il trattamento è stato il seguente: per 50 giorni circa, 75 mg rp al giorno, poi, dietro consiglio del neurologo, 150 mg al giorno fino a 10 giorni fa. Adesso ho iniziato un graduale e lento scalaggio al fine di sospendere l'assunzione di questo farmaco in quanto credo sia arrivato il momento per farlo. Il quesito è questo: sin dal primo giorno di assunzione, ormai 4 anni or sono, ho avuto problemi di disfunzione erettile abbastanza pronunciati che non si sono mitigati nel tempo e che tuttora si fanno sentire. Dopo la sospensione definitiva potrò confidare in un recupero del mio potenziale sessuale, che prima era molto soddisfacente? Avrò bisogno di aiuti farmacologici, fitoterapici o simili? Se esistono, quali sono i valori a livello statistico per quanto riguarda il recupero della funzionalità erettile dopo terapie come quella che sto facendo?
Ringrazio cordialmente e saluto.
Giancarlo

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,aspettiamo la sospensione o il ridimensionamento della terapia antidepressiva per valutare la ripresa della funzione sessuale.Non e' possibile stabilire prima cosa accadra' poi e,inoltre,non esistono studi che propongono percentuali in quanto,evidentemente,i gruppi non possono essere omogenei.
Ci aggiorni in seguito,se ritiene.Cordialita'.
[#2] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Egregio signore,
la disfunzione erettile è un sintomo che può dipendere da diversi fattori, fra cui anche psico-farmaci. In ogni caso una visita da un andrologo non sarebbe male, se non altro per escludere altra patologia.