Utente 849XXX
salve,

circa un mese fa ho fatto delle analisi, ho portato i risultati al mio dottore e mi ha detto che avevo una piccola infezione al sangue, forse dovuta al fatto che ho un po la tiroide infiammata oppure al fatto che ho molte carie ai denti e spesso mi sanguinano in quanto ho molto paura del dentista. mi ha consigliato comunque di ripetere l'esamo dopo una ventina di giorni. le ho fatte stamane e l'infermiera, leggendo nell'impegnativa" controllo a soggetto con monocitosi" si è data da fare affinche me lericonsegnassero nella stessa mattinata, bene, ho ripresole analisi e nn c'è nessun asterisco,tutto regolare.
posso tranquillizzarmi o devo ripetere ancora dette analisi? ma soprattutto un infezione al sangue puo venire e scomparirein cosi poco tempo?
grazie mille della vostra attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr.ssa Maria Morena Morelli
28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,
l'aumento dei monociti può riscontrarsi in 'situazioni' diverse (es. patologie infettive, collagenopatie, alterazioni ematologiche,...etc...).
Il controllo ematico da lei effettuato ha evidenziato un ritorno alla normalità dei valori, ma ritengo debba fare visionare i referti al Suo medico di fiducia.
Il Suo medico curante, che già conosce la Sua anamnesi - storia clinica-, avrà modo di rivisitarla e di visionare 'in toto' i risultati (controllo completo della formula leucocitaria);
La completa rivalutazione permetterà di tranquillizzarla o se necessario indirizzarla verso approfondimento clinico (es. valutazione specialista ematologo).

Dott.ssa M.M.Morelli






[#2] dopo  
Dr. Boris Franzato
24% attività
4% attualità
12% socialità
CASTELFRANCO VENETO (TV)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Sarebbe interessante poter vedere di quanto fossero alterati i monociti un mese fa rispetto all'ultimo controllo. Alcune volte capita infatti che una lieve alterazione possa innescare tutta una serie di accertamenti e di ipotesi, mentre si trattava di un "falso allarme".
Comunque se dopo 20 giorni i valori sono rientrati nella norma può stare tranquillo.
Cordiali saluti