Utente 862XXX
Salve, sono una ragazza di 21 anni. Da sempre ho questo problema, appena prendo un antibiotico dopo 15 giorni ho un episodio febbrile che dura da 1 a 3 giorni, senza particolari sintomi (diarrea, eruzioni cutanee), o comunque nessun sintomo allergico nei confronti dell'antibiotico stesso. Non sono ancora riuscita a trovare nè una diagnosi, nè un rimedio. Le faccio presente che sono una ragazza sana e raramente mi ammalo di influenze stagionali.
In attesa di una sua risposta

cordiali saluti
Beatrice.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Dopo 15 giorni, dei comuni antibiotici non resta traccia. Neanche a me vengono in mente spiegazioni convincenti per una simile reazione tardiva.

Dal vivo le farei un interrogatorio canonico (quante volte, con che molecole, molecole prese per curare cosa, in che stagione ecc. ecc.), da remoto allargo le braccia e, in assenza di altri effetti dannosi, la prendo come una curiosita'.





[#2] dopo  
Utente 862XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio infinitamente per aver risposto al mio consulto.
Sono stata di recente dal mio medico di famiglia (il quale ha ritenuto impossibile la mia situazione), per poter andare a fondo a questa questione. Quindi ho cercato una soluzione personale assumendo contemporaneamente all'antibiotico, enterogermina, betotal e vitamina c.
In effetti non ho avuto un vero e proprio episodio febbrile perche la reazione essendo molto blanda sono riuscita a tenerla sotto controllo con una sola tachipirina.
Può essere quindi il mio un problema a livello di flora batterica?. faccio presente che da piccola dopo molti episodi di questo genere mia madre ha deciso di non darmi piu medicinali per quanto fosse possibile e quindi sotto consiglio dell'erborista ho ricevuto una cura a base di fermenti lattici e antisettici per la gola. in questo modo sono stata fino all'adolescenza senza alcun problema.

il problema si è ripresentato non appena ho assunto un antibiotico a largo spettro per una tonsillite.
dopo ho avuto un problema di candida e ho assunto un antimicotico che mi ha dato la classica conseguenza, il dottore infatti ha avuto dei dubbi visto che questo non è un antibiotico.
Adesso ho fatto questo ultimo tentativo visto che ho dovuto assumere un antibiotico per la dermatite seborroica.

Inoltre tempo fa ho scoperto di avere la mononucleosi. Sono stata malissimo e ho dovuto fare qualcosa per le mie difese immunitarie. Può questa malattia interagire nel complesso?

Mi scusi se mi sono dilungata ma volevo esporre a pieno il mio problema.
[#3] dopo  
20563

Cancellato nel 2010
Io la ringrazio ma brancolo tuttora nel buio.

Il problema e' che nei 15 gg. fra fine della terapia e febbre tardiva (sempre invariabilmente?) puo' succedere di tutto e il nesso causale diventa evanescente.

La medicina conosce si' dei casi in cui l'antibiotico invece di far passare la febbre, la fa peggiorare (fenomeno di herxheimer), ma con tempi, modi e contesti diversi dai suoi.