Utente 341XXX
Buongiorno Dottori, sono un ragazzo di 27 anni, vi scrivo perchè ho problemi di eiaculazione precoce e di qualche volta di disfunzione erettile. Mi sono lasciato 2 anni fa dopo un fidanzamento di 7 anni, e da lì in poi è nato in me l' incubo di avere rapporti sessuali( ho sempre avuto problemi di eiaculazione precoce, ma con la mia ex mi facevo meno problemi). Mi è capitato una volta, subito dopo essermi lasciato, di avere un rapporto sessuale ed è andata come prevedevo, ovvero un fallimento, perchè il rapporto è durato meno di un minuto. Sono talmente segnato nel lato sessuale che quando con una ragazza il rapporto diventa un po' più intimo ho il terrore che questa voglia avere un rapporto con me, e dunque non mi faccio più sentire, perchè ho paura di fallire durante il rapporto. Voglio risolvere questa situazione, e vorrei sapere da voi se è risolvibile e se sì indicativamente in quanto tempo. Devo affidarmi ad un andrologo o ad uno psicologo? perchè ho letto che l' eiaculazione precoce viene curata anche da questi ultimi

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il top sarebbe un percorso condiviso tra l'andrologo e lo psicosessuologo ma,essendo troppa la distanza tra il non far nulla e fare...troppo,opterei per consultare un esperto andrologo che possa
coordinare i modi ed i tempi dell'intervento,ponendo una diagnosi andrologica di primo livello,basata sull'esame obiettivo e sulla determinazione dell'assetto ormonale.Va da se che la scelta strategica debba essere condivisa con il Paziente,protagonista primo.Cordialità.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Aggiungo qualche riflessione a quelle del dr. Izzo.

Già nel 2013 ci scriveva per una dipendenza dalla pornografia, e le risposi io.

http://www.medicitalia.it/consulti/archivio/408091-porno_dipendenza.html

Cosa ha fatto da allora?

Per quanto riguarda l'e.p. Le allego del materiale, ed un canale salute redatto a quattro mani con un collega andrologo dove troverà il percorso da seguire.
Se desidera nel mio sito personale e blog troverà molto altro.

http://www.medicitalia.it/salute/eiaculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/3854/Si-http://www.medicitalia.it/salute/eiaculazione-precoce-prevenire-l-eiaculazione-precoce-