Utente 408XXX
Salve a tutti,
Vi spiego rapidamente il mio problema che mi sta dannando da oltre un mese. Circa sei settimane fa, sotto consiglio del mio medico che mi ha garantito che l'operazione era una passeggiata, mi faccio convincere, nonostante non avessi grossi problemi, a effettuare una frenuloplastica.

L'operazione a dire dei medici presenti in sala (almeno 4) è stata un successo ma subito dopo l'operazione, al quarto giorno, ho avuto già la caduta dei primi punti e già all'ottavo giorno quasi la totalità dei punti erano caduti eccetto due.
Durante questo periodo ho avuto pochissimi sanguinamenti di piccola intensità. Intorno al decimo giorno, senza nessuna causa diretta, ho avuto invece una forte emorragia che mi ha causato anche imbarazzo durata per fortuna poco. Da li in poi, nessun sanguinamento. Intorno al 15-17 giorno perdo anche gli ultimi due punti.
Intorno al ventesimo giorno la ferita almeno per l'aspetto è completamente sana e rimarginata cosi che al 22° giorno dall'operazione, non sentendo alcun problema decido di tentare un rapporto sessuale ma non appena vi è stata la penetrazione, subito, ho sentito un doloro molto forte (sentivo la parte molto tesa e tirata) ed ho avuto un nuovo sanguinamento da una lacerazione sulla pelle dove un tempo stava il frenulo. La parte in generale mi sembra molto tesa in erezione e non mi causa dolori se non durante i rapporti.
Contatto allora il mio medico che mi dice che devo aspettare un altro paio di settimane e mi ha dato una crema cicatrizzante.
Dopo quelle due settimane riprovo ad avere un rapporto ma il dolore me lo impedisce.
Inoltre ho da un pò un dolore interno al pene, non fortissimo, che si accentua se lo schiaccio fra le mani oltre ad avere un' unica vena lungo tutta la parte dx del pene sia a riposo che in erezione molto molto gonfia (sembra quasi che quel dolore provenga da li).

Come mi devo comportare? Sono molto preoccupato, avendo solo 24 anni e non avendo nessun problema prima dell'operazione, ora invece sono quasi 2 mesi che non posso fare sesso e la situazione sembra sempre la stessa, mi sembra quasi un handicap ed ho paura che posso rovinare la mia relazione attuale. Voi direte contatta il medico, l'ho fatto, ma i tempi per la sanità pubblica sono enormi (ho la visita fra un altro mese) Cosa devo fare nel frattempo? Cosa mi devo aspettare? Posso anticipare qualche esame ?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
G.le utente,
di esami non c'è da fare molto. E' necessaria solo una visita che chiarisca quello che è successo. Difficile comprendere bene da questa postazione. Il problema si risolverà sicuramente ma deve avere pazienza e aspettare il consulto con il suo urologo. Se non è soddisfatto chieda un altro parere. Mi faccia sapere. A presto
[#2] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2016
La cosa che mi stranisce più di tutto e questo dolore interno e localizzato che ho almeno da un paio di settimane e che si accentua dopo un eiaculazione ( si accentua nel senso che si fa sentire di più, anche per un paio di giorni) unito al gonfiore anomalo di una vena. Nemmeno per questo posso anticipare qualche esame? Ho tutta questa fretta perchè solo tra la prenotazione della frenuloplastica e l'operazione stessa sono passati circa 18 mesi. Mi sento male solo al pensiero che questa situazione si possa trascinare per anni tra i 2 mesi ognivolta necessari per un consulto con il mio dottore e i tempi biblici della sanità.

La ringrazio sia per la sua risposta precedente sia per quella che mi darà.
Inoltre vivo a Napoli, se la situazione va come ho previsto (rispetto ai tempi di risoluzione del problema) ha qualche studio privato valido da suggerirmi ? Immagino abbiano tempi molto piu brevi
[#3] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Dato che ha un problema post-intervento, il servizio di urologia deve farsi carico di questo problema. Provi a ricontattare l'urologia e a domandare un controllo post-operazione spiegando cosa sta succedendo. Mi faccia sapere. A presto
[#4] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2016
AGGIORNAMENTO: dopo circa due mesi dall operazione riesco ad avere nuovamente dei rapporti sessuali, ma solo con l'ausilio di lubrificante. Senza ho dei dolori incredibili, che mi impediscono del tutto il rapporto. Dato il suo consiglio, ho prenotato la visita presso il mio medico. Prima data disponibile: AGOSTO.

Dato che per me aspettare fino ad allora era troppo decido di recarmi direttamente da lui senza la prenotazione e riesco a ottenere una visita, se così vogliamo chiamarla. Dico questo perché dal momento in cui metto piede nello studio solamente 40 secondi dopo sono già fuori. Con diagnosi e prescrizione. Il medico dopo un occhiata veloce mi dice che per lui si tratta solo di un nervo infiammato e mi prescrive opera, un integratore alimentare antiffiamatorio.
Dottore lei cosa ne pensa? Io non sono molto convinto di questa diagnosi, sopratutto perché mi è sembrato che il dottore non mi abbia dato alcuna attenzione
[#5] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
O segue le indicazioni del medico urologo che l'ha operata oppure sente un altro parere. Vorrei aiutarla ma dalla mia postazione è difficile. Provi a parlare casomai col curante. Mi faccia sapere