Utente 877XXX
Salve vi scrivio per avere un consulto x mio marito che ha 36 anni e da circa un anno che ha un calo del desiderio importante vi dico gia che sono sicura che non ce un altra donna nella sua vita lo sento che mi ama ma non riusciamo piu ad avere rapporti questo ovviamente mi fa sentire non desiderata ,dice he adesso e bloccato perche le ultime 2 volte non ha avuto una buona erezione e poi non ha raggiunto l'orgasmo ho comprato degli integratori sensovit ma non hanno avuto successo purtroppo, ora gli ho detto che dobbiamo risolvere sto problema perche io ci sto male e poi siamo giovani x avere gia sti problemi a chi mi dovrei rivolgere? Ad un andrologo oppure dovremmo fare della terapia di coppia? E troppo imbarazzante le domande che ci fanno?Attendo vostra risposta grazie x l'aiuto

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signora,
eviterei di reiterare i quesiti, in quanto le è già stato risposto a questo or non è guari. Il calo del desiderio è dovuto a prostata, ormoni e/o psiche. La diagnosi si fa dal vivo. Consultate collega andrologo e vi dirà se problema psicologico o medico. Poi si vede.
[#2] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Cara Utente,credo che con mia spazio per l'imbarazzo e,quindi,consulterei un esperto andrologo per porre una diagnosi di primo livello e quantizzare l'ansia da prestazione,sempre presente in caso di deficit erettile.Ho la sensazione che suo marito non sia stato mai visitato...Cordialità.
[#3] dopo  
Dr.ssa Paola Scalco
52% attività
20% attualità
20% socialità
CASTELL'ALFERO (AT)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
per affrontare tale situazione è indispensabile procedere un passo alla volta, approfondendo prima di tutto gli aspetti medici: se sarà poi utile o opportuno effettuare una terapia di coppia si valuterà in un secondo momento.

Lei scrive del suo disagio e dei suoi tentativi di soluzione, ma non riferisce come suo marito viva la questione.... Lo aiuti a decidersi a rivolgersi ad un andrologo, principalmente per monitorare la sua salute in generale, e non solo quella sessuale.

Le allego una lettura che potrà essere, spero, per voi spunto di riflessione:
http://www.medicitalia.it/blog/psicologia/2433-disturbo-sessuale-vergogno-parlarne.html

Saluti cordiali.