Utente 408XXX
Dopo la visita medico sportiva per l'abilitazione agonistica mi è stato prescritto l'holter e il color doppler al fine di indagare sul grado di bradicardia e l'eventuale presenza di altre patologie.
A riposo ho 38bpm, e l'holter ha segnalato due intervalli a 25bpm, max 185bpm.

Ho ricevuto l'abilitazione per l'atletica e il triathlon, con controllo a 3mesi con la prescrizione di ridurre l'intensità degli allenamenti.

Vorrei capire se ridurre l'intensità significa diminuire le ore di allenamento (da quello che ho letto la bradicardia è legata a sport di resistenza prolungata) o l'intensità dello sforzo (allenamenti di soglia, sopra soglia).
Grazie in anticipo per il consulto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
La bradicardia che lei presenta e' verosimilmente legata al suo allenamento.
Purtroppo allenamenti cosi' prolungati non fanno bene ad alcun cuore.
Tenga presente che proprio il trathlon e' la discipina sportiva che e' piu gravata dalla morte improvvisa.
Esegua un ecocolordoppler cardiaco per valutare lo spessore ed il volume del ventricolo sinistro.
Ovviamebnte sono certo che eseguira' un ECG da sforzo ogni anno.
Arrivederci
cecchini