Utente 864XXX
Salve, scusatemi per il disturbo e vi ringrazio anticipatamente per il tempo che mi concederete,
mi chiamo Federico Montanari ho 26 anni e praticamente un anno fà, circa, tramite un rapporto
orale; dopo pochi giorni mi usciva continuamente un liguido bianco, nell
arco della giornata, come se fossi sempre "eccitato" e nell urinare avevo un leggero pizzicolio fino a
che un giorno,non essendomi fatto visitare, mi usci proprio un grumo di puss( credo che lo fosse) tanto che per urinare
avevo dei fortissimi dolori cosi da prendere (consigliata da un amico) "trozocina" e da quel momento mi passo tutto.
In seguito uscendo con le ragazze ho notato che comunque avevo problemini di erezione ma
sopratutto un calo del desiderio enorme. In questo lasso di tempo, circa un anno, ho fatto varie analisi tra
cui il sangue (sono un donatore) e il tampone del pene senza riscontrare nessun tipo di infezione,
(che allego); e andato diverse volte
dall' andrologo senza risolvere questi 2 problemi anzi il dottore mi consigliò di comprare
il "cialis" e se sarebbe persistito questo problema di andare da un sessuolo perchè non ho nullaa
livello fisico ma è solo una cosa mentale(dice lui). L ' altro giorno
dopo un rapporto orale scoperto (invece la penetrazione sempre coperta); mi è ritornato
la fuoriuscita di quel liquido e il lieve
pizzicolio quando urino dopo ciò prima di controllare su internet ho chiamato il mio andrologo,
e mi ha detto che ho una prostatite e dovrei prendere per due giorni "monovil"
da 1 grammo. Siccome non sapevo il significato di prostatite sono andato a vedere il significato su
internet e ringraziando Dio ho trovato la descrizione dei mie sintomi : calo del
desiderio e problemi di erezione; sperando nelvostro aiuto vi saluto e aspetto notizie.
P.S. intanto per risolvere il problemino della fuoriuscita del liquidino e del pizzicolio quando
urino sto usando "ciproxin" va bene?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,come puo' far bene se va avanti con diagnosi telefoniche e conferme via internet?Non sottovaluti il problema e lo esponga dal vivo ad un andrologo disponibile a visitarLa...Cordialita'.
[#2] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
spesso i pazienti andrologici hanno la tendenza al fai da te. vada dritto filato da un andrologo che roma ce ne sono di ootimi (consulti il sito andros-italia). e c i tenga infomati
[#3] dopo  
Utente 864XXX

Iscritto dal 2008
Inanzi tutto grazie per la vostra disponibilità ma io dall androlo ci sono andato gia 2 volte e mi ha detto che il problema della libido e dell erezione è un fatto psicologico e ma io credo che non lo sia e penso che sia un gonfiore della prostata da come ho letto dai vostri colleghi(NEI SINTOMI DELLA PROSTATITE CRONICA) e mi ha detto d prendere monovil da un grammo per risolvere invece quell altro problema della perdita d liquido e pizzicolio mentre urino andando dal dottore di famiglia mi ha detto invece di prendere ciproxin che è piu forte, ma sono gia 2 giorni ke lo prendo e non fa nulla. Per favore intanto che aspetto per rifarmi controllare secondo voi il problema dell erezione e della libido diminuita ha ragione il mio andrologo che dipenda da un fattore psicologico o si sbaglia e dipendono da un fatto appunto fisico? e per risolvere l altro problema della "perdita" che devo prendere? ancora grazie e cordiali saluti
[#4] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

i suoi sintomi e la sua storia clinica potrebbero far pensare alla presenza di una infezione-infiammazione uretrale.
Io, personalmente, non riesco a consigliare terapie telefoniche senza aver potuto valutare il caso clinico direttamente o attraverso gli accertamenti effettuati.
Quasi sempre, o spesso, un paziente che presenta disturbi uretrali può sviluppare uno stato di "rifiuto" della attività sessuale (una specie di autodifesa nel timore di avere un problema) che si può tradurre in diminuzione della libido e della funzione erettile.
Anche in questo caso sarei "restio" a consigliare il Cailis o altri prodotti senza avere effettuato una diagnosi precisa di disfunzione organica vascolare
cari saluti

[#5] dopo  
Utente 864XXX

Iscritto dal 2008
Dott. Pozza la ringrazio per la sua risposta; dato che sono di roma potrebbe lasciarmi un suo recapito con eventuali orari della sua disponibilità? cordiali saluti