Utente 408XXX
Buongiorno sono stato operato un mese fa di ernia e varicocele,vi volevo chiedere è normale che ho piu sensibilità al pene e ai testicoli e di conseguenza il rapporto con mia moglie dura poco(eiaculazione precoce)
Grazie mille per la disponibilità

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
G.le utente,
Ad un mese dall'intervento, non dovrebbero essere presenti questi problemi. Ma aspettiamo qualche altra settimana. Se questi fastidi persistono, contatti il suo urologo per esporre il problema ed escludere se ci sono delle cause. Mi faccia sapere. A presto
[#2] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2016
Grazie per la risposta...io anche prima dell operazione ne soffrivo un pò...potrebbe essere anche un fatto psicologico?le cause quali potrebbero essere?
Grazie mille per la disponibilità
[#3] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
Se il disturbo vi era anche prima dell'intervento, allora non c'è correlazione con l'intervento...anche se non ce ne sarebbe stata comunque se fosse insorti dopo. Potrebbero essere sintomi correlati ad un'infiammazione prostatica. Consulti il suo urologo in caso di persistenza dei sintomi. Mi faccia sapere. A presto
[#4] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2016
Ok grazie mille
Vi farò sapere
[#5] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
aggiungo qualche riflessione a quelle del dr. Bottai.

Se trattasi di un'e.p primaria o life long non può dare la colpa all'intervento, né ipotizzare "soltanto" cause psicologiche che verranno adeguatamente indagate e poi curate in sede di terapia mirata e, spesso, combinata.

L'eiaculazione precoce, è una disfunzione sessuale della fase dell'orgasmo - qui di terza fase della riposta sessuale - e va diagnosticata dall'andrologo, a seguito di visita specialistica, poi la terapia si stabilisce di conseguenza, sempre meglio se combinata per lavorare su sintomi e cause.

Vi sono svariati tipi di e.p.:
anteportas
intra postar( fuori o dentro l'ambiente vaginale)
primaria
secondaria
assoluta
situazionale.

Sarebbe opportuno, in sede di anamnesi sessuologica, conoscere lo IELT( tempo di latenza eiaculatoria intravaginale) e le emozioni associate alla sfera della sessualità e della sua dimensione di coppia, di cui non ci dice nulla..

La sesualita ha "sempre" una componente di relazionalità da analizzare ed investigare con competenza e scrupolosità, il sintomo avulso dal resto non ci dice molto.

Una scrupolosa diagnosi clinica - di cui lei non ci parla - può quantizzare ed investigare gli "aspetti ansiogeni" sempre presenti nel disagio sessuale, comprendendo inoltre se sono " causa o effetto" della disfunzione.


Le allego svariate letture ed un canale salute

canale
http://www.medicitalia.it/salute/eiaculazione-precoce

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/3854/Si-http://www.medici
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1358/Eiaculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/1190/Eaiculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/963/Eiaculazione-precoce-
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/3220/Eiaculazione-precoce
http://www.medicitalia.it/libri/9-eiaculazione_precoce_riflessioni_e_st
[#6] dopo  
Utente 408XXX

Iscritto dal 2016
Grazie dottoressa risposta molto completa