Utente 374XXX
Buongiorno,

Avrei bisogno di una delucidazione in merito alla guida dell'auto e duloxetina.
Un mese fa, la sera del mio addio al nubilato, mi hanno ritirato la patente per tasso alcolemico fuori dal limite.
Premetto che non sono né una bevitrice, né una sconsiderata.
Comunque dovrò sottopormi agli esami del sangue e test del capello per accertare che io non sia un'alcolista.
Il mio dubbio è relativo alla duloxetina che prendo da un anno, a causa di una depressione post parto.
Io cercato di leggere il decreto che parla delle sostanze psicotrope vietate ma mi è sembrato di capire che per quanto riguarda gli psicofarmaci, quelli vietati sarebbero ansiolitici e barbiturici.
Insomma prendendo la duloxetina si può guidare?
Il mio psichiatra non mi aveva mai parlato di limiti nella guida ma preferisco chiedere per essere più tranquilla.

Grazie mille per l'attenzione
Saluti
[#1] dopo  
Dr. Gilberto Marcello Boschiroli
24% attività
8% attualità
8% socialità
CINISELLO BALSAMO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2012
Buon giorno,
il foglio illustrativo del farmaco, alla voce "Effetti sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari " recita:
"Non sono stati effettuati studi sulla capacità di guidare veicoli e sull'uso di macchinari. L'assunzione di duloxetina può associarsi a sedazione e capogiro. I pazienti devono essere avvertiti di evitare di svolgere compiti potenzialmente pericolosi come guidare veicoli o usare macchinari nel caso in cui presentino sedazione o capogiro".
La frase è piuttosto sibillina, in quanto lascia al paziente decidere se può guidare o no, a seconda degli effetti secondari che il farmaco gli provoca.
Se Lei supporta bene la terapia, non ha sonnolenza, vertigini, capogiri, senso di malessere, sembra possa guidare.
In genere in effetti queste terapie sono ben supportate.
Mi scusi l'uso di molte frasi dubbie, ma no posso fare altrimenti.
Dal punto di vista medico legale, se Le succede un incidente e viene trovata positiva al farmaco, diventa difficile dimostrare che il farmaco non abbia avuto effetti collaterali come quelli descritti come possibili.
Per sua cautela, io mi farei certificare dallo psichiatra che l'ha in cura che il farmaco non ha effetti collaterali su di Lei e che quindi Lei può guidare, ammesso che il collega abbia voglia di assumersi questa responsabilità.

Sperando di esserLe stato in qualche modo di aiuto, La saluto cordialmente.
[#2] dopo  
Utente 374XXX

Iscritto dal 2015
Buongiorno Dottore,
Grazie per la risposta.
La terapia non mi ha mai dato alcun problema fortunatamente e altrettanto fortunatamente non ho causato incidenti ma mi hanno solo fermato ad un posto di blocco con etilometro.

È una situazione controversa anche perché al di là di ciò che mi è capitato il ragionamento mi sembra essere , se guido e va tutto bene non viene considerato l'utilizzo dell'antidepressivo, se invece sbaglio(come tutte le altre persone) invece è colpa di quello e non posso guidare. Mi sembra molto controproducente!
Comunque grazie ancora per la risposta e chiederò al mio psichiatra per la certificazione.
Buona giornata