Utente 409XXX
Nell ultimo anno, a causa della mancanza di partner sessuali, mi sono spinto alla ricerca di metodi per la masturbazione sempre più alternativi.... non sto qua a descriverle i dettagli, ma il più efficace fra questi consisteva nel masturbarmi in una posizione tale da provocarmi un insieme di dolore fisico alle gambe e piacere allo stesso tempo. A causa di questa cosa sono arrivato a masturbarmi anche due volte al giorno (solo per "dovere") senza mai provare un vero piacere ma solo un potente l'orgasmo! Recentemente facendo sesso ho avuto dei problemi di erezione, questo penso sia stato dovuto a due motivi: un po' di ansia da prestazione e questo mio metodo di masturbazione che mi ah quasi atrofizzato il pene, nel fare sesso non sentivo praticamente nulla. Resomi conto di questa cosa ho rincominciato a masturbarmi normalmente con alcuni problemi: poca sensibilità, orgasmo quasi privo di piacere e un lungo tempo per eiaculare. Inoltre ho riscontrato nell'ultimo periodo una diminuzione della libido è una mancanza di eccitazione di tipo più naturale. Ora devo risolvere questa situazione per evitare di incorrere in qualche blocco psicologico di natura ben più grave.... ho bisogno di sapere come fare e se secondo voi necessito di un aiuto psicologico dall'esterno. Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,l'accanimento masturbatorio non porta atrofizzazione dei corpi cavernosi ma,nel tempo,può dar luogo a fenomeni infiammatori delle ghiandole annesse all'apparato genitale (prostata,vescicole seminali e ghiandole bulbo uretrali)con riduzione della sensibilità eiaculatoria,orgasmatica e del getto eiaculatorio.I riflessi sulla padronanza dell'erezione sono scontati con riverberi
psicologici propri dell'ansia da prestazione.A questo punto,prescindendo dalle modalità della masturbazione,di cui non fa cenno nel post,consiglierei di consultare un esperto andrologo che possa coordinare una sinergia con uno psicosessuologo.Cordialità.
[#2] dopo  
Utente 409XXX

Iscritto dal 2016
C'è da aggiungere che ultimamente (a causa di vari pensieri per la testa) sto vivendo un periodo di scarsa libido, inoltre la partner non mi attraeva molto dal punto di vista fisico.
Quindi non so se sia prematuro, preoccuparmi e farmi seguire da specialisti.