Utente 860XXX
ruolo dell'anestesista in pronto soccorso?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvatore Renzo Calabrese
20% attività
8% attualità
0% socialità
BRESCIA (BS)
Rank MI+ 28
Iscritto dal 2008
In genere l'Anestesista (che è al contempo un Rianimatore) è chiamato in PS per trattare pazienti in imminente pericolo di vita, che devono essere subito sottoposti a manovre di rianimazione o a terapia intensiva prima di essere inviati ad un reparto di degenza che è quasi sempre il reparto di rianimazione.
L'Anestesista Rianimatore è sempre presente nelle centrali del 118 (generalmente adiacenti al PS) dove coordina il lavoro del personale che risponde alle chiamate, ed applica il triage: un metodo per stabilisce le priorità di soccorso a seconda della gravità delle condizioni dei pazienti da soccorrere.
Inoltre l'Anestesista Rianimatore dirige dell'equipe dell'eliambulanza che si occupa del soccorso primario in caso di incidenti nel territorio di competenza e del trasferimanto di pazienti già ricoverati verso centri ospedalieri specialistici ogni volta che ciò è necessario.
[#2] dopo  
Utente 860XXX

Iscritto dal 2008
grazie mille per le delucidazioni. quindi il comune medico di P.S. non ha un grande ruolo nella gestione delle urgenze/emergenze ad esempio infarti o simili?
non gestisce un arresto cardiaco? non esegue manovre di rianimazione tipo intubbazione toracica, cateterismi venosi, toracentesi,paracentesi ecc... in poche parole il vero e proprio gestore delle emergenze/urgenze è l'anestesista rianimatore? anche per i traumatizzati?
grazie
[#3] dopo  
Dr. Stelio Alvino
44% attività
20% attualità
20% socialità
MONTEPULCIANO (SI)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Caro utente,
diciamo che in situazioni di grossa emergenza in cui si è in imminente pericolo di vita l'Anestesista -Rianimatore da una mano al Collega del Pronto Soccorso. In queste situazioni ritengo che una buona collaborazione tra Colleghi sia fondamentale per una miglior riuscita dell'intervento.
Il Rianimatore per le sue peculiarità professionali ha una buona manualità che può mettere al servizio del paziente cosiddetto "critico".
Tuttavia è il medico del PS che vede e accoglie in accettazione il paziente e se la situazione lo richiede può iniziare ad eseguire quelle manovre di base fondamentali alla sua sopravvivenza in attesa che il Rianimatore applichi interventi più avanzati che tuttavia non sono preclusi al medico del PS se opportunamente formato.