Utente 185XXX
Spett.le specialista, vorrei conoscere se le fasce di età indicate nei calendari vaccinali per bambini, sono fondamentali per l'efficacia degli stessi. Se per una qualunque ragione non si potessero effettuare nei tempi previsti, mi riferisco alla prima dose e non ai successivi richiami, ad esempio somministrato il 20° mese piuttosto che il 14°suggerito, quali limiti potrebbero presentare al di là della mancata copertura? Grazie
[#1] dopo  
Dr. Michele Piccolo
40% attività
8% attualità
16% socialità
TORRE ANNUNZIATA (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2011
gentile utente, premesso che i bambini alla nascita non hanno un sistema immune sufficientemente maturo per dare una risposta adeguata ad un vaccino, il calendario vaccinale dell'infanzia propone come data delle vaccinazioni la prima utile a garantire una risposta immune. Come accennava Lei stessa, l'unico vero limite nel ritardo della somministrazione della prima dose è la mancata protezione dall'agente per cui si viene vaccinati. Ciò detto la prima dose può essere ritardata, come anche le successive (non vi sono limiti riguardo l'efficacia vaccinale), l'importante è non dimenticare mai l'importanza delle vaccinazioni e la necessità di farle il prima possibile per tutelare i bambini. cordialità