Utente 410XXX
Salve a tutti,
Ho 21 anni e fin dal primo rapporto sessuale avuto, all'età di 18 anni, la prima volta risulta sempre traumatica, o meglio ogni volta durante il primo rapporto soffro di eiaculazione precoce, con il passare degli anni questo problema ha continuato a manifestarsi ed a diventare sempre più evidente anche durante il secondo rapporto sessuale..
Preso dallo sconforto mi sono rivolto ad un andrologo il quale dopo aver escluso possibili infezioni mi ha prescritto una scatola di priligy da 60gr, inoltre mi ha consigliato seguire un percorso con uno psicologo, cosa che avevo già iniziato un mese prima..
La mia domandaè la seguente, le compresse prescritte dal medico, sono una cura momentanea al problema, oppure possono in qualche modo aiutare ad abituare il corpo ad avere maggiore controllo dello stimolo eiaculatorio?
Premettendo che son convinto si tratti di una causa al 90% psicologica, tale farmaco secondo voi può aiutarmi ad acquistare maggior sicurezza a tal punto da poter smetterne l'assunzione senza alcun tipo di problema?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Bottai
28% attività
8% attualità
12% socialità
LODI (LO)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2016
G.le utente
La cura può aiutare a migliorare il proprio controllo. Certo, è una terapia on demand ma se la causa è psicologica penso che questa cura, insieme alla psicoanalisi, dovrebbe essere la strada giusta per migliorare definitivamente il tempo di eiaculazione. Mi faccia sapere. A presto