Utente 410XXX
Buongiorno a tutti
Vi scrivo oggi per chiedervi aiuto riguardo un mio problema, si tratta di disfunzione erettile.
Ho sempre avuto senza problemi rapporti con la mia partner anche per più volte al giorno giungendo sempre ad un'erezione completa fino a quando la scorsa settimana per due giorni di fila appena si provava la penetrazione niente di niente l'elezione scompariva quasi completamente. Da questi ultimi tentativi falliti non c'è stato più nessun tentativo ma devo ammettere che mi sto preoccupando e non poco.
Si tratta di un problema veramente recente ma mi sta dando molta ansi anche durante le giornate e la mattina verifico l'erezione e mi sembra sempre impossibile da raggiungere o comunque appena raggiunta una volta verificata viene persa. Mi rendo conto che sta diventando un problema di tipo psicologico e mi intimorisce veramente ma la mia domanda è possibile che si diventi un paziente soggetto a disfunzione erettile letteralmente nel giro di poche ore in quanto il rapporto precedente era avvenuto poche ore e in modo molto soddisfacente ?
Sicuro di una vostra pronta risposta vi ringrazio in anticipo
Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signhore,
possibilissimo.
Tenga presente che il 75% dei maschi esperimenta deficit erettile, solo nel 10%-13% tale proiblerma persiste più di un mese. Per cui aspetrti con calma un pochetto senza styare a provare e rièprovare e studiare e ristudiare, e se entro un mese non passa si faccia vedere da collega poer diagnosi e tertapia.
[#2] dopo  
Utente 410XXX

Iscritto dal 2016
Ritiene quindi che la situazione sia un normale "incidente di percorso" e che al prossimo rapporto debba mantenere la calma conscio del fatto che molto probabilmente andrà tutto bene ? Ovviamente come ben può immaginare non è facile non pensarci nel momento esatto che procede la penetrazione
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Eventualmente inizi subio a farsi vedere da collega se proprio non riesce a tranquillizzarsi
[#4] dopo  
Utente 410XXX

Iscritto dal 2016
Guardi se lei mi dice che l'incidenza è così alta (75%) e che alla fine solo una piccola percentuale risulta aver bisogno di una cura di tipo psicologico sono già molto più tranquillo.
Ci possono quindi essere periodi di impotenza nei quali la penetrazione (perché durante i preliminari va tutto bene) risulta impossibile che poi semplicemente tranquillizzandosi e provando a non focalizzarsi su quelli passano nel giro di poco ?
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Mi pare di averglielo scritto fin dalla i RISPOSTA. aNZI NE SONO SICURO.
[#6] dopo  
Utente 410XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille per la sua risposta mi è stato veramente di grande aiuto e scusi ancora per il disturbo