Utente 385XXX
Buongiorno
A breve dovrò sottopormi ad un intervento di escissione di una cisti gangliare artrogena (1,5cm x 1cm circa) sul versante dorsale della mano destra.
Tralasciando l'ansia che l'idea di questo intervento e delle possibili complicanze correlate, resto dubbioso, nonostante la sicurezza dell'ortopedico che mi ha visitato nell'affermare la semplicità dell'operazione i minimi rischi che essa comporta. Questo perché un altro specialista,in una visita precedente mi aveva invece avvisato di possibili,temibili rischi (perdita di sensibilità nelle dita, perdita di motilità della mano, cicatrizzazioni errate che comportano le precedenti perdite).
Dato che il mio percorso di studi (Medicina e Chirurgia) mi porterebbe a una professione in cui le mani ricoprono un ruolo fondamentale,l'idea di perderne la piena o parziale funzionalità mi spaventa non poco.
Purtroppo su internet non si trovano molte informazioni precise a riguardo di tali operazioni. Tenendo conto che sono conscio di una possibile e probabile recidività della cisti, a chi dovrei credere per quanto riguarda gli altri rischi? Sono casi rari o comuni?
Grazie in anticipo
[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile "Collega",

il vero rischio di questo intervento è la recidiva, che può verificarsi anche se ben eseguito, anche se in una netta minoranza dei casi.

Altro rischio, se il chirurgo non è esperto, è il coinvolgimento di uno dei rami nervosi sensitivi del radiale, sottocutanei, che possono restare imbrigliati nella cicatrice profonda o, raramente, essere lesionati da un chirurgo poco attento.

In ogni caso, minimizzerei tali rischi se ci si affida a un chirurgo competente.

Buona giornata.