Utente 409XXX
Gent. Dottori,
Grazie in anticipo per la risposta.
Vi propongo il mio caso.
Circa 2 mesia fa anche più, accusavo delle fitte al petto in direzione del cuore e allo stesso tempo lampi al braccio simili a comuni dolori di freddo.
Andai al pronto soccorso per ben 3 volte.
Mi hanno fatto tutti i tipi di esami: ecg, ecocardiogramma, consulto dal cardiologo e ecografia ai polmoni.
Dopo un mese con tutto ciò andai dal mio cardiologo di fiducia che dopo ecg e visita mi dissi come anche al pronto soccorso che non avevo niente.
Associarono tutto all'ansia.
Adesso ho accusato di nuovo fitte al petto con dolori al braccio sx.
Secondo voi mi converrebbe ripetere l'EcG o avendolo fatto due mesi fa non serve.
Cioè la mia domanda è c'è la possibilità che in due mesi sia cambiato qualcosa o no.
Grazie di nuovo in anticipo per la risposta.
Cordiali saluti.
PS. Sono una ragazzo di 20 anni.
Vita sedentaria
Peso:104kg

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
No, in due mesi non credo proprio sia cambiato qualcosa, soprattutto perché i sintomi sono sostanzialmente sempre gli stessi. Inoltre, nonostante il sovrappeso, il suo rischio cardiovascolare è molto basso avendo solo 20 anni.

Ma, invece che preoccuparsi quando le vengono i dolori, perché non fa qualcosa per ridurre il rischio di ammalarsi? Innanzitutto una regolare attività fisica, poi calare di peso?
[#2] dopo  
Utente 409XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille per la tempestiva risposta.
Le faccio un ultimissima domanda:
Vorrei alleviare il pensiero facendo un ecografia ai polmoni.
Lei crede che faccia male farla dopo due mesi?
[#3] dopo  
Dr. Chiara Lestuzzi
28% attività
12% attualità
20% socialità
AVIANO (PN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2012
A me sembra molto strano che le abbiano fatto un' ECOGRAFIA ai polmoni! Di solito per i polmoni si usa la radiografia, e l' ecografia per il cuore.
Comunque gli esami strumentali vanno prescritti dal medico, sulla base di un' ipotesi o un dubbio diagnostico ("potrebbe essere questo o quest' altro") e soprattutto solo se chiarendo la diagnosi la terapia cambia.
Se ho un dolore al ginocchio e l' ipotesi è che possa essere un' infiammazione o un' artrosi ma con un anti-infiammatorio io sto bene, non ha senso fare radiografie o risonanze magnetiche per definire la diagnosi. Se invece è un dolore persistente, il ginocchio si blocca e c' è l' ipotesi che possa essere un problema di menisco o di legamenti che può essere risolto con la chirurgia, ha senso fare la risonanza magnetica.