Utente 410XXX
Salve Dottori,
sono una ragazza di 23 anni e vi scrivo per esporvi una mia sempre più pressante preoccupazione.
Negli ultimi mesi uno stato d'ansia mi ha provocato diversi episodi di tachicardia, che si sono conclusi con una visita al Pronto Soccorso durante la quale ECG ed analisi del sangue sono risultati negativi. Tutto ciò mi ha lasciato la malsana abitudine di controllarmi spesso la frequenza cardiaca durante la giornata, ed ora che sono in cura per una bronchite (Augumentin e Bentelan 1mg due volte al giorno) ho notato anomalie del battito. Spesso mi capita di avvertire che il cuore "stenti a battere" nel senso che rallenta, salta un battito, per poi riprendere il ritmo. Ho letto che potrebbe trattarsi di extrasistole, ma il mio dubbio è: un'extrasistole si presenta con dei sintomi? Perchè io se non avessi l'abitudine di controllare spesso il battito alla carotide, dubito fortemente che me accorgerei in quanto non avverto nulla fisicamente. Mi domando se non siano causate dall'ansia, dal momento che in questi giorni non faccio che pensarci e questo aumenta il mio stato di tensione. E' invece possibile siano causate dal Bentelan? Lo scorso aprile mi sono sottoposta ad una visita cardiologica, ECG ed Ecocardio non hanno evidenziato nulla di anomalo.
Mi scuso per la ripetitività del tema trattato, e spero in una vostra gradita risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il cortisone aumenta la eccitabilita' miocardica, e penso che la sua notevole componente ansiosa le stia giocando brutti scherzi.
ma le pare normale stare a palparsi continuamente la carotide a 24 anni?

Arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 410XXX

Iscritto dal 2016
Ha ragione, non è affatto normale.
La ringrazio molto Dottore...