Utente 270XXX
Rm colonna lombare :
Le curvature fisiologiche sono conservate.
I dischi intersomatici L4-L5 e sopratutto L5-S1 sono assottigliati ma conservano una normale idratazione.
Non si rilevano crolli somatici
Ernia discale posterò mediana L4-L5 sottoleganentosa determinante compressione dello spazio peridurale anteriore e dei recessi laterali senza prevalenza di lato o conflitto radicolare.
In L5-S1 ernia discale posteriore mediana paramediana sono determinante impronta sullo spazio e peridurale anteriore ma non conflitto radicolare.
Canale vertebrale normo ampio.
Regolare l'aspetto dell'apice del corpo midollare.

Questo è il referto della risonanza magnetica dopo il cosiddetto colpo della strega. Gentilmente qualcuno saprebbe spiegarmi cosa ho ed eventuale terapia consigliata da intraprendere.
Grazie in anticipo.

Francesco.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Konstantinos Martikos
28% attività
16% attualità
12% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Sostanzialmente, dal referto non emergono situazioni patologiche importanti. Gli ultimi due dischi lombari sono descritti parzialmente assottigliati ma senza disidratazione il che non rappresenta un quadro di discopatia franca. Gli stessi due dischi presentano lieve protrusione senza entrare in conflitto con le strutture nervose e quindi non si tratta di ernie discali.
Consideri che un singolo episodio di mal di schiena o blocco lombare, isolato nel tempo e che guarisce progressivamente nell'arco di qualche giorno o settimana, non nasconde necessariamente una patologia lombare sottostante. Anzi, nella stragrande maggioranza dei casi rappresenta un fenomeno transitorio. Si stima che circa l'85% della popolazione generale è afflitto da almeno un episodio di lombalgia acuta nell'arco della vita e solo in una piccola percentuale di casi ci può essere un processo patologico sottostante. Spesso, quando vi è un processo patologico sottostante il dolore persiste nel tempo o si ripresenta frequentemente. In questi casi è necessaria una valutazione medica specialistica.
Le consiglio comunque di eseguire una valutazione medica (almeno informare il suo medico Curante) dell'esito della risonanza e del tuo quadro clinico. Le cure sono definite in base al quadro clinico.