Utente 167XXX
Gent.mi Dott.ri, mio padre 74 anni, con pregresso infarto anteriore senza sopraslivellamento del tratto ST, sottoposto nel 2012 ad angioplastica con PTCA IVA, D1 E CX(tre stent+1POBA), in terapia con i seguenti farmaci: Lopresor 100mg(mezza sera e mattina), Triatec 10mg, Cardioaspirina 100mg, Pantorc 40mg, Crestor 20mg,Plavix 75 mg (assunto da dicembre 2012 a giugno 2014) e poi a seguito di iperkaliemia, in novembre 5,28* mEq/L (rif3,30 – 5,10 mEq/L),
il cardiologo ha deciso di sostituire il Triatec 10mg con un altro farmaco Blopress 16mg 1 cp la mattina.
La mia domanda era relativa all'esito di un holter dinamico effettuato casualmente, in relazione ad uno scrupolo diagnostico del medico curante relativamente alla efficacia della terapia. Premetto che uno degli elettrodi, (quello centrale sopra l'osso manubrio credo)era spezzato e quindi non so come abbia potuto contribuire all'esame. Mio padre ha ritirato detto esito senza ricevere nessuna indicazione circa la eventuale validità dello stesso o indicazioni del cardiologo che lo ha firmato.
Il referto generale è il seguente:
"Ritmo sinusale-fibrillazione atriale* per l'intera durata del monitoraggio. Frequenza cardiaca compresa in un range di 50-130bpm-Numero non significativo di contrazioni premature sopraventricolari una sola volta riunite in un breve run(13 battute) a FC 180 bpm alle ore 9,26 circa - tratto st immodficato"
Nel particolare:
Inizio esame 08:00, 23h 39m; battiti 4711; Normale 71%, atipico 28% stimolato 0% artefatto 43%:
RR --> FC media 61bpm, min 33 bpm, max 131 bpm
Famiglie(Atipico , ch 1*)--> Famiglie 40, principale--> battiti 23266 % su totale 39%
Eventi ventricolari --> VEB 902(max 109 VEB/h), CPT 1204, TV 0, BIG 0 TRIG 0.
Eventi sopraventr e di conduzione--> SVEB 726, SVS 74, TSV 1(Più lungo 8 battiti) FC max 147bpm, PAU 18(PIù LUNGO 3,7s), BRA 1(più lungo 2 battiti FC min 39 bpm).
Eventi ST--> ST+ 0, ST- 0
RR--> SD 102 ms, pNN50 5, rMSDD 45s

Se ho letto bene parla di "fibrillazione atriale" per 24h? E ,se si, quindi una fibrillazione atriale persistente?E come mai in tutti gli ECG(ogni 6 mesi) ed ecodoppler, test ergometrici, non veniva rilevata, visto che essendo continua per 24h dovrebbe "sempre esserci"? Da profano sono abbastanza preoccupato anche perchè non capisco la dicitura "Ritmo sinusale(quindi ok) e poi fibrillazione atriale(per quanto tempo, quante volte?). Il referto è stato consegnato e firmato dal cardiologo senza alcuna indicazione o domanda relativa all'esito. Mi devo allarmare?Non era più logico dire che "qualcosa non andava" e di rivolgersi subito curante/cardiologo? E' possibile che quel canale 1 , verosimilmente atipico perche staccato, abbia inficiato la natura dell'esame?Vi ringrazio per eventuale riscontro e mi scuso per l'eventuale prolissità e ansia che scaturisce dalla mia domanda.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Occorre che lei vada dal cardiologo che le ha refertato l'esame per avere chiarimenti circa la presenza o meno di fibrillazione atriale persistente o parossistica, anche perche' andrebbe modificata la terapiam, sostituendo la cardioaspirina con il Coumadin o NAO.

Arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 167XXX

Iscritto dal 2010
Gent.mo Dott.re, la ringrazio per il suo riscontro. Non avendo ottenuto risposte esaustive, dal cardiologo dal centro ove è stato effettuato l'holter, oltre alla conferma della fibrillazione atriale, il medico curante ci sta inviando in un centro cardiologioco pubblico autorizzato per la valutazione dell'eventuale prescrizione di NAO, in luogo del Coumadin, in quanto secondo una sua valutazione potrebbe essere una situazione migliore per mio padre(vive da solo ed è quasi sordo e spesso dimentica le dosi).
Comunque mi ha confermato che il mio cardiologo privato(diverso da quello del centro presso il quale è stato effettuato l'holter!!!)non potrebbe prescriverlo in base alle normative vigenti e quindi devo per forza passare da un centro pubblico.
Volevo chiederLe,( in attesa di visita dal cardiologo private che è fuori sede), intanto cosa rischia mio padre in questi giorni, di attesa per valutazione NAO/Coumadin. Lui assume solamente Cardioaspirina 100mg, Crestor20, Blopress16mg, Lopresor100mg(il quale avrebbe coperto la fibrillazione...) e il curante mi ha assicurato che in questi giorni non rischia molto. Infine sono un po' in ansia perchè ho letto che i NAO sono pericolosi perchè non esistono antidoti e perchè possono creare problemi renali. Mi scuso per queste domande un po' toppo ipocondriache.
La ringrazio per eventuale riscontro.

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Il problema sta tutto nell'accertare se suo padre abbia o meno episodi di fibrillazione atriale.
In tal caso va instaurata una terapuia anticoagulante orale.
Dato che vive da solo e non e' molto attendibile nell'assunzione del Coumadin, in effetti puo' esserem candidato alla prescrizione dei NAO.
Eì' chiaro che ogni anticoagulante orale comporta dei rischi di sanguinamento, anche gravi 8anche se i NAO meno del Coumadin), ma qui si tratta di mettere sulla bilancia il peso del notevole rischio di embolie con il modesto rischio di emorragie gravi.
In attesa della prescrizione dei NAO sarebbe opportuno che il paziente iniziasse terapia con iniezioni sottocutanee di eparina a basso peso molecolare, dato che l' aspirina non lo protegge dai fenomeni tromboembolici

Arrivederci

cecchini
[#4] dopo  
Utente 167XXX

Iscritto dal 2010
Gent.mo Dott.re, abbiamo effettuato, visita cardiologica e poi ematologica per prescrizione TAO/NAO e ambedue gli specialisti, vista anche la situazione personale di mio padre, hanno optato per un NAO di nome XARELTO 20mg una cp/die preferibilmente a pranzo, continuando Lopresor 100, Blopress 16mg, Pantorc 40, Crestor 20 e Xatral. Naturalmente sospendendo la Cardio aspirina 100 e passando il giorno dopo allo XARELTO. Il piano terapeutico inizia, secondo la tempistica del centro ASL che lo dispensa, verosimilmente lunedì. Intanto sia il cardiologo che l'ematologo prescrittore del centro mi hanno detto che non è necessaria "embricazione(?)" in questi gg. Ho anche chiesto al medico curante ed è stata daccordo, l'unico mio dubbio permane riguardo la mancanza di antidoto(per l'andexanet aspetteremo anni...) e sono un po' in ansia; sia il cardiologo(nostro di fiducia) che l'ematologo del centro TAO e...infine anche il medico curante mi hanno rassicurato con la sola indicazione del controllo creatininemia-clearence ogni 3 mesi. Volevo chiederle se sono io ad essere, da profano, esagerato anche perchè ho notato che i miei dubbi ai due specialisti hanno dato un po' di fastidio, è stata una mia colpa informarmi? La ringrazio di cuore per il suo eventuale riscontro e per il servizio offerto.
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Informarsi éun un diritto e non certo.una colpa...

Detto.Questo lo Xarelto . un.farmaco.molto.sicuro.ed.efficace
saluti