Utente 405XXX
buongiorno, sono un uomo obeso di 36 anni circa tre anni fa per continui mal di testa ho scoperto di avere l'ipertensione l cardiologo mi prescrive norvasc e vado avanti. col tempo mi trovo ad avere i piedi gonfi torno dal cardiologo che dopo elettrocadiogramma ed ecocardiogramma mi sostituisce il norvasc con lobivon da 5. ormai da quasi due anni. intanto ho cambiato comune di residenza e il medico di base mi ha aggiunto bifril da 15 mezza compressa peche dice che il lobivon serve piu a mantenere il battito che alla pressione. in questo frangente e da quasi 6 mesi sto curando eritema nodoso alle gambe ormai una è quasi guarita mentre l'altra e altalenante (se non la fascio bella chiara e sgonfia per qualche giorno epoi......) .nonostante io abbia fatto cicli di antibiotico, cortisone, assumendo attualmente solvix e metta sulle macchie il flubason con fasce mediche e calza elastica. a volte pero questa gamba in prossimità della macchia e gonfia cioè se metto il dito diventa bianca ma subito si arrossisce. in questi giorni invece noto che durante la giornata e durante passeggiate e dopo la doccia calda si gonfiano e arrossiscono le mani e parte delle braccia. ho letto delle controindicazioni del lobivon e parla di problemi circolatori braccia e gambe. sono tre mesi che sono molto stressato per questo periodo di non perfetta salute e sono a dieta bevo tanta acqua ho ripetuto elettrocardiogramma con esito di ottima emodinamica per eta e fisico. cosa posso fare? puo essere il lobivon la causa di questo rossore e dolenzia articolare? o devo rassegnarmi e fin quando perdere tanto peso non stare bene? non so che fare. grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Personalmente condivido quanto detto dal suo medico di base a riguardo del lobivon e sospenderei completamente il betabloccante, mentre per il controllo dei valori pressori occorre fare un Holter pressorio delle 24 h (utilizzando un bracciale di adeguate dimensioni) al fine di verificare l'efficacia della terapia con bifril.
Cordialmente
[#2] dopo  
Utente 405XXX

Iscritto dal 2016
e la sospensione del lobivon deve avvenire in modo graduale o dal oggi al domani? potrebbe essere quindi la cause degli arrossamenti alle mani e alle braccia? quindi misurare la pressione regolarmente con lo sfignomanometro non è veritiero?
[#3] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
La sospensione andrebbe fatta gradualmente....E' possibile che ci sia una relazione tra problemi cutanei e betabloccante, ma non è certo....
Non basta misurare la PA classicamente per stabilire se i farmaci ne controllino i valori e per questo occorre fare l'Holter pressorio, preferibilmente d'inverno.
Saluti
[#4] dopo  
Utente 405XXX

Iscritto dal 2016
quindi in definitiva dovrei gradualmente sospendere il lobivon e assumere il bifril da 30 mezza compressa al mattino controllare la pressione regolarmente e attendere l'inverno prossimo?
[#5] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Questa è la mia opinione, con i limiti della distanza e dell'impossibilità a visitarla direttamente
[#6] dopo  
Utente 405XXX

Iscritto dal 2016
certo ha ragione ma al momento non ho altro cardiologo e vorrei seguire le Vs linee guida e pertanto Vi chiedo gentilmente come e quando misurare la pressione e se va bene la mezza compressa di bifril da 30 o intera il massimo della mia pressione sono 140/90 ma altre ad essere obeso sono anche molto ansioso e ipocondriaco come da ultimo elettrocardiogramma buono ma con stato di agitazione elevato. grazie
[#7] dopo  
Dr. Mariano Rillo
48% attività
20% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
.... a questo punto non posso che dirle che noi di MI a distanza non possiamo né fare diagnosi, né tantomeno fare terapia....I nostri consigli vanno interpretati e non considerati in sostituzione di una valutazione cardiologica presso il cardiologo di fiducia. Mi spiace, ma la mia consulenza finisce qui.
[#8] dopo  
Utente 405XXX

Iscritto dal 2016
Mi scusi non sapevo. Vi chiedo : nemmeno i metodi di misurazione potete dire? Grazue