Utente 985XXX
Buongiorno, ho 39 anni e da poco più di 2 mesi, a seguito di un'evacuazione di feci non formate ma non molto dolorosa, ho cominciato ad avvertire un fastidio/dolore alla zona perineale. Tale fastidio (chiamiamolo così) si presenta quando faccio pipì in piedi e "spingo" per accelerare la minzione mentre non è presente quando sono seduto sia per mingere che per evacuare. Sovente tale disturbo sembra risalire fino allo scroto e talvolta sembra arrivare fino dentro il pene.
Non ho alcun bruciore durante la minzione nè durante l'eiaculazione (anche se quest'ultima mi è sembrata più accentuata come sensazioni...ma non so se possa essere collegato).

Ho altresì notato un maggior sgocciolamento in fase di minzione ed ultimamente le evacuzioni sono tutte dal poco formato all'acquoso. Aggiungo che questa mattina mi sono svegliato con un'erezione piuttosto dolorosa (dovuta alla necessità di fare pipì) che è sfociata in un'altrettanto dolorosa (sempre in zona perineo/sfintere) minzione. In segutio a ciò tutta la zona è rimasta ipersensibile tanto da essere "avvertibile" da seduto e da farmi avere una costante idea di dover usare il bagno per evacuare.
In ultimo aggiungo di avvertire negli ultimissimi giorni un fastidio un zona lombare che non so se sia associabile al tutto (non ho mai sofferto di problemi in quella zona).

Sono stato presso un vs. collega andrologo il quale dopo esame tattile della prostata ha affermato trattarsi di blanda prostatite e mi ha detto di assumere 2 volte al giorno il LENIDASE.

Dato che non sento particolari miglioramenti sono a chiedervi se secondo voi dovrei eseguire ulteriori accertamenti.

Vi ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

in presenza di una sospetta prostatite può essere indicata una ecografia completa delle vie uro seminali ed una valutazione colturale sul liquido prostatico, sulle urine e, in alcuni casi, anche sul liquido seminale, è un test che viene anche chiamato test di Meares e Stamey.

Senta ora il suo urologo di fiducia e con lui valuti il da farsi.

Un cordiale saluto.