Utente 411XXX
salve,
sono in dolce attesa alla tredicesima settimana di gravidanza e data l' età , 36 anni, è stata consigliata sia dal personale del consultorio sia da un ginecologo a cui avevo chiesto un consulto l'amniocentesi . Tuttavia il mio attuale ginecologo ha delle perplessità circa l' amniocentesi dopo aver studiato la mia situazione clinica. Nel maggio 2015 ho subito l ultimo di tre interventi ; nel luglio 2013 colectomia totale, ottobre 2014intervento di proctectomia residua e confezionamento di IPAA con loopileostomy di protezione e infine maggio 2015 intervento di chiusura di ileostomia con confezione di anastomosi ileo-ileale . Sono molto confusa sul procedere o meno all' amniocentesi o scegliere un altro tipo di screening non invasivo come il test dna che non prevede punture sulla pancia ma secondo il parere di alcuni specialisti non è affidabile quanto l' amniocentesi. Effettivamente potrebbe l amniocentesi aumentare , nel mio caso. la probabilità , di aborto o danni al bambino e/0 a me ?
grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Gentile utente, il fatto che lei abbia subito gli interventi descritti non deve condizionare la decisione dell'eseguire l'amniocentesi o meno, in quanto l'evenienza dell'aborto o di altre complicanze è insito nella procedura del l'amniocentesi e non degli interventi che ha subito.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 411XXX

Iscritto dal 2016
grazie del consulto Dr. Sforza

[#3] dopo  
Dr. Sergio Sforza
36% attività
20% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2010
Di nulla e auguri