Utente 405XXX
Buongiorno gentilissimi dottori, in attesa di andare da mio curante ho deciso di chiedere un consulto anche a Voi, con tutti i limiti imposti dalla distanza.
Sono una ragazza di 29 anni.
Da anni ogni tanto a riposo avverto come se il cuore "perdesse un colpo" e subito dopo mi sopraggiunge una sensazione di ansia che però sparisce in qualche minuto.
Siccome sono un soggetto ansioso il medico anni fa aveva rilevato battito accelerato (mi agitavo mentre mi misurava la pressione....), così circa una decina di anni fa mi aveva fatto fare ecg, holter e visita cardiologica (se non ricordo male anche un altro esame con l'ecografo, ma non ricordo il nome preciso) da cui non era emerso niente di patologico. Siccome mia mamma ha il prolasso della mitrale avevano indagato anche se avessi anche io quello, ma il referto era negativo.
Ora, da qualche tempo mentre faccio palestra, soprattutto durante esercizi come squat e affondi con peso (ma mi è capitato anche con altre tipologie di esercizi) ogni tanto avverto una strana sensazione al cuore difficile da descrivere, dura un istante e non avverto altri sintomi correlati se non agitazione per qualche istante, come se il cuore avesse un battito più forte o come se avessi un tuffo al cuore... E' simile alla sensazione che avverto quando ho questa sorta di extrasistole a riposo, ma mi sembra leggermente meno intensa.
Nell'attesa di andare dal curante per fare tutti gli accertamenti del caso, secondo voi è meglio che al momento sospenda l'attività fisica anche se per me è una valvola di sfogo dallo stress e dall'ansia?...
E' possibile che nei 10 anni circa passati dagli esami fatti, anche se sono abbastanza giovane, io abbia sviluppato una cardiopatia?....
Specifico che mia madre è anche lei un soggetto ansioso e sporadicamente soffre di aritmie (dichiarate benigne) e mio papà è leggermente iperteso.
Una nonna è morta ad 86 anni per malattia cardiaca e un nonno è morto moltissimi anni fa, intorno all'età di 50 anni per infarto.
Io soffro da qualche anno di gastrite e reflusso esofageo.

Ultimamente questa storia del cuore sta diventando una grossa fonte di ansia e malessere per me.....

Grazie per l'attenzione e la gentilezza che avrete nel rispondere.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
sinceramente i disturbi che lei rifersce paiono ella banali extrasistoli.
non vedo motivo dimpreoccuoazione

arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 405XXX

Iscritto dal 2016
La ringrazio dottor Cecchini e mi scuso per il ritardo nella risposta ma ho avuto problemi con il pc.

Buona giornata!