Utente 868XXX
cerco in breve di spiegare il mio problema:
ricordo che all'età di circa 10-12 anni, oggi ne ho 45, ho vissuto uno strano episodio (mai più ripetutosi) durante il sonno:
ho cominciato a sentire un tremore agli arti che andava aumentando fino a provocarmi movimenti incontrollati che non riuscivo ad impedire. credo sia durato qualche minuto, ma non ho certezze. al risveglio ero sudata, impaurita e il cuore sembrava impazzito. non ho mai detto a nessuno dell'episodio, pensando di poter essere presa in giro per un banale brutto sogno. ora mi viene il dubbio di aver in effetti avuto una crisi di non so bene cosa, ma collego quel fatto alle pulsazioni accelerate che da allora, sento forti in fase di addormentamento e se riposo nel pomeriggio anche durante il sonno ed il risveglio. a volte mi capita anche, in un qualsiasi momento della giornata, di avvertire un battito anomalo, come se saltasse un colpo o ce ne fosse uno in più, non riesco a spiegare meglio, accompagnato da una sensazione di cuore in gola e ansia.
non ho mai raccontato ad un medico dell'episodio di tanti anni fa, ma ho riferito più volte a cardiologo e medico di famiglia delle pulsazioni accelerate o anomale che sento e mi è stato detto che si tratta solo di una particolare sensibilità, oppure di un pò di ansia.
cosa era l'episodio avvenuto nel sonno? e le sensazioni di battiti anomali?sono episodi fisiologici o patologici? cosa mi consigliate di fare?
grazie
p.s. di solito la mia pressione è bassa 100-60, le pulsazioni tra 80 e 90, elettrocardiogramma nella norma, non ho mai fatto ulteriori indagini mediche specifiche.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
è probabile che al momento di prender sonno aumenti il suo tono nervoso e ciò si ripercuote anche a livello cardiaco con aumento della frequenza e comparsa di extrasistoli. Trattasi, per come lei lo descrive, e per i parametri cardiologici che ci ha riportato, di episodi del tutto fisiologici. E' ovvio che se tali episodi dovessero aumentare in durata e in frequenza, si renderebbe necessario un approfondimento diagnostico con un Holter ECG ed un controllo ormonale tiroideo.
Al momento non è lecito preoccuparsi.
Cordialmente,

[#2] dopo  
Utente 868XXX

Iscritto dal 2008
grazie, cortese e sollecito,seguirò i suoi consigli
ma non comprendo bene cosa si intende x tono nervoso
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile Sig.ra,
probabilmente anche se in maniera inconscia, l'episodio vissuto in età infantile la condiziona a tal punto da renderla più sensibile e suscettibile ai battiti anomali. Trattasi di un'anomala tensione nervosa comune a molti soggetti ansiosi.
Saluti