Utente 413XXX
Buongiorno,

Scrivo per conto di mio nonno, che ha 104 anni, è alto 195 cm e pesa 79 kg.
E' particolarmente attivo, estremamente lucido, ancora attivo lavorativamente (nel senso che ha molti ettari di terra che cura personalmente). Si arrampica ancora sugli alberi per raccoglierne i frutti e ogni anno comincia ad andare al mare nel mese di marzo a fare lunghe nuotate (siamo sardi...).
Non assume farmaci e non ha mai avuto malattie, se non una leggera infezione all'orecchio 25 anni fa.
Unico "vizio" sono le donne e il gioco d'azzardo, ma è molto equilibrato anche in questo senso.
La sua alimentazione consiste in pesce, frutta a volontà, poche verdure, raramente carne (consuma principalmente carni bianche). Consuma molti superacolici che distilla lui personalmente.
Appartiene ad una famiglia di centenari: suo padre è morto a 29 anni a causa di un'aneurisma cerebrale, ma sua madre ha vissuto fino ai 109 anni e sua nonna addirittura fino ai 116 (mai confermato in nessun guinnes dei primati, ma a quei tempi le reti di comunicazione con il mondo civile erano molto rare).
Ha ancora fratelli e sorelle vivi, 19 in tutto, con un'età che va dai 60 ai 106 anni (lui è il secondo figlio).

Vi scrivo perché da qualche giorno, misurandogli la pressione, ce l'ha prese 90 di massima e 60 di minima. Lui non avverte nessun disturbo ed è molto infastidito dalla nostra apprensione.

Una pressione così bassa in un uomo molto anziano non è un rischio?

Vorrei un vostro parere. Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
No, il rischio e' banalmente il dato anagrafico.
Lo lasci in pace e gli faccia fare ciò' che vuole, e non sta a tormentarlo con i valori pressori
Arrivederci

cecchini