Utente 152XXX
Buongiorno, circa un mese fa mi stata diagnosticata un'ipertensione dopo 3 giorni di valori intorno a 145-100; ho iniziato a prendere micardis 80; dopo pochi giorni i valori erano tornati su 120/110 - 80/75. Il cardiologo, dopo analisi del sangue e elettrocardiogramma nella norma, ha ridotto il dosaggio a 40mg. Successivamente esame sotto sforzo ed ecocardiogramma tutto ok. Ora, dopo 2 settimane di micardis 40mg, con misurazioni medi di 115/80, i valori sono tornati a salire: da 3 giorni sono sui 130/135 - 95/90 durante il giorno, anche se mattina e sera tornano su 120/125-85. Il medico di base dice che può volerci fino ad un mese prima che si stabilizzino i valori e quindi di stare a vedere. Nel frattempo però non sto per niente bene, sono molto agitata, mal di testa, e mi sento il cuore in gola.
Avendo familiarità con ipertensione (mia madre a 52 anni ha avuto un ictus importante e mio padre a 53 anni è deceduto per infarto), ho molta paura. Vorrei avere un parere sui tempi da mettere in conto per capire se questa terapia va bene o se va adeguata e se posso fare altre cose per alleviare questo stato di malessere. Ovviamente non fumo, mangio sano, mi muovo; unico fattore che proprio non riesco a togliere è lo stress, lavorativo e dovuto a questa nuova "malattia".

Grazie anticipatamente per i vostri consigli.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Mi pare che i risultati che lei ha ottenuto siano eccellenti.
Tolga il sale aggiunto nella dieta e beva molta acqua.
Cammini un'oretta al giorno
Arrivederci

cecchini
[#2] dopo  
Utente 152XXX

Iscritto dal 2010
grazie Dottore,
sale praticamente non ne uso, mangio il pane senza sale da quasi sempre perché mi piace di più, anche l'acqua non mi manca.
Camminare un'ora al giorno sarebbe un sogno, ma purtroppo il lavoro a tempo pieno, un bimbo di 5 anni, un marito artigiano con orari irregolari (che quindi non può sostituirmi nel curare il bambino) e nonni lontani, mi lascerebbero la fascia oraria tra le 21.30 e le 5.30 per andare a camminare.. Per ora riesco ad andare in piscina 2 volte alla settimana. Se conosce qualche trucco magico per risolvere questo problemino, lo applicherei senz'altro!
Comunque il fatto che Lei non si preoccupa per quello che mi sembrano valori ballerini, mi rassicura, e La ringrazio di cuore.