Utente 413XXX
Sono un ragazzo di 26 anni e ultimamente sono molto preoccupato circa la mia salute.. Nel caso possa servire per la diagnosi, mi sono laureato quest'anno e per varie condizioni è stato un anno abbastanza stressante. Nonostante lo stress mentale e fisico il fatto che la mia salute sia iniziata a calare mi è sembrato comunque strano poichè anche in altri periodi ho dovuto affrontare stress e molte preoccupazioni senza avere gli effetti di seguito elencati. La cosa che ho subito riscontrato proprio da novembre è il calo del desiderio sessuale, quando prima l'avevo a livelli altissimi, debolezza fisica e ahimè riduzione del tono muscolare del pene sia in erezione che a riposo. Con il passare dei mesi e anche dopo un meritato riposo che ormai dura da più di un mese la situazione non è affatto migliorata e si sono aggiunti altri sintomi come sporadico dolore ai testicoli, il quale si calma dopo l'espulsione delle sperma per circa un giorno ma poi riviene sporadicamente e alcune mattine mi sveglio con un leggero fastidio alla gola non riconducibile ad alcuna causa apparente. Dato che la situazione è andata a peggiorare senza avere erezioni mattutine e il pene soprattutto a riposo realmente verso livelli di riduzione da farmi piangere mi sono rivolto prima al mio medico di base e poi ad un andrologo presso un'ospedale limitrofo. Voglio sottolineare che durante quest'anno ho cercato di limitare il più possibile la masturbazione proprio per queste ragioni e anche perchè sentivo poco il bisogno rispetto ad un passato d'oro in cui avevo sempre forza e voglia e dimensioni sopra la normalità.. Se possa servire per la diagnosi, sono vegetariano da febbraio 2014 quindi mangio latticini e uova. Ho eliminato il caffè. Avevo anche svolto delle analisi nel dicembre scorso e tutto era assolutamente a posto eccetto una mancanza di vitamina D e quindi mi sto esponendo spesso al sole ultimamente. Scrivo qui i vari step e diagnosi:

1) Visita andrologica: mi segnala un varicocele di primo tipo e mi prescrive un ecodoppler scrotale che effettuerò il 16 giugno, esami della prolattina e spermogramma.
2) Non soddisfatto mi rivolgo ad un medico internista e mi dice di andare a vedere le gonadotropine.
3) Svolgo tutte le analisi e questi sono i risultati:
LH: 3,0 mUI/ML range 0,8-7,6
FSH: 2,8 mUI/Ml range 0,7-11,1
Dosaggio Beta HCG: <2 mIU/mL riferimento <3
Testostero Libero: 7.400 pg/ml range 4.900-45.000
Prolattina: 184.8 mUI/L range 87.0-382.0
Spermogramma (difficoltà al mattino ti eiaculare con conseguente poca fuoriuscita ma ok per le analisi), riperto i valori secondo me importanti per voi:
Leucociti 1,4 riferimento <1,0
Cristalli: Rari cristalli di spermina
Numero spermatozoi: 43 U.M x10*6ml >15
Numero spermatozoi/eiaculato: 77,4 x10*6eiac >39,0
Moto rettilineo rapido A:12% riferimento >25%
Moto rettileneo lento B: 9% riferimento A+B >40%
Moto irregolare o in situ C: 9%
Immobili: 68%
Test di vialità: 21% riferimento >58%

Spero un vostro aiuto e grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

dall'esame del liquido seminale, con la presenza di un numero di leucociti superiore al milione per ml e per alcuni sintomi da lei lamentati (dolori testicolari ed altro), si potrebbe anche pensare ad una infiammazione delle vie seminali e quindi potrebbe essere utile ora anche una valutazione colturale completa con ricerca di micoplasmi, chlamydiae ed altro.

Ora bene comunque risentire in diretta il suo andrologo di riferimento.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 413XXX

Iscritto dal 2016
Grazie mille Dottore per la risposta. Per mancanza di spazio ho omesso la parte colturale sul liquido seminale anche se ho fatto intendere che tutto fosse negativo.
Stafilococchi: Negativa
Streptococchi: Negativa
Enterobacteriacee: Negativa
Miceti: Negativa

Siccome ho svolte le analisi presso una struttura privata perchè più veloce, dovendo pagare di più per microplasmi e altro più approfondito non l'ho fatto e forse ho sbagliato. Lei allora cosa mi consiglia di controllare? Microplasmi e?
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se ancora sintomi clinici certamente!