gocce  
 
Utente 186XXX
Gentili dottori vorrei sapere cortesemente due informazioni per mia madre e mio fratello:

1) mia madre ha sessantadue anni. (152 cm x 80kg) Assume Micardis 40 Mg e Lobivon 5 1/4 da otto anni circa per l'ipertensione arteriosa dovuta oltre ad ansia e stress anche alla glicemia e trigliceridi elevati. Premetto che non fuma e dall' ultimo elettro-eco cardiogramma la situazione a livello cardiaco e buona. Ha iniziato una dieta mediterranea prescritta dal medico nutrizionista per perdere circa dieci kg.
Il cardiologo ci ha consigliato quando ha sbalzi di pressione elevati superiore a 170 di assumere Lasix 20 o Nifedicor gocce.

Vorrei sapere 1) in caso di pressione superiore a 170 se va bene il Lasix compresse e se lo deve abbinare alle gocce sublinguali e
2) in caso speriamo non succede di sintomi di infarto in arrivo dell' Ambulanza va bene se prende un Aspirina da 500 o meglio l' ibuprofene per il dolore ?

2) mio fratello di anni trentuno affetto da insufficienza valvolare di grado lieve causato da una febbre reumatica (endocardite batterica) all' età di dodici anni curata con punture mensili di Triwicillina per cinque anni e da cinque assume il Congescor ( per regolare i battiti cardiaci) e il vaccino in compresse per tre mesi Ismigen in caso di faringite è preferibile eseguire il tampone e se l'origine e virale non prende l'antibiotico e se la causa e batterica prende lo Zitromax per tre giorni o nel suo caso deve prendere sempre l'antibiotico perché da virale la faringite può passare a batterica dopo aver svolto il tampone ? (in merito ci sono opinioni mediche diverse)

Cordiali saluti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
caso n 1

la somministrazione di Lasix in caso di rialzo pressorio é di comune uso ma illogica e potenzialmente dannosa. Il farmaco é un saluretico cioe funziona inibendo il riassorbimento di sodio a livello del rene e quindi per azione osmotica acqua viene richiamata dall interstizio dentro il tubulo renale e quindi aumenta la quantita di urine. In realta dopo poche ore il rene, bruscamente disidratato , aumenta il riassorbimento di sodio e quindi il riassorbimento di acqua nell interstizio, attraverso bicarbonato di sodio che crea alcalosi metabolica.
se si desidera una riduzione del sale va fortemente consigliTo alla paziente di mangiare senza sale aggijnto nelle vivande e di bere abbondantemente (1,5 2 litri di acqua al di) il che é l evidente contrario di disidratare il paziente.
il segreto é semmai di aggiungere piccole dosi di antialdosteronico quotidiane (spironolattone o canreonato di potassio)
la Nifedipina gocce sublinguali era molto in voga 10 20 anni fa. in realta l effetto é apprezzabile ma molto passe
ggero ed espone a fenomeni di "furto" a carico delle coronarie e pertanto potenzialmente pericoloso
caso n 2
non é ben chiara la patologia valvolare del paziente. é comunque raccomandabile una profilassi antibiotca in caso di febbre e sicuramente in caso di interventi odontoiatrici compresa la pulizia dentaria o endoscopie, come gastroscopia ,colonscopia

arrivederci
cecchini
[#2] dopo  
Utente 186XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dr Cecchini,

La ringrazio per La risposta rapida.
1) Quindi da ciò che ho recepito, mia madre in caso di aumento della pressione non deve assumere il Lasix e neppure il Nifedicor gocce sublinguali.
Se c'è un rialzo pressorio prende un diuretico (antialdosteronico spironolattone ).
- Ma in caso di sintomi di infarto in arrivo dell' Ambulanza va bene l' Aspirina 500 o anche l'ibuprofene ?

2) per mio fratello all' eta di dodici a seguito di una tonsillite ha contratto un endocardite batterica che li ha "graffiato" la valvola mitrale (grado lieve).
E' stato curato in Ospedale con Deltacortene 100 mg, Avocin 4 gr e Redoxon e dopo due settimane con le punture mensili per cinque anni di Triwicillina.
Da cinque anni assume il Congescor da 2,5 mg per non affaticare il cuore e regolare il battito cardiaco (cosi ci ha riferito il cardiologo) e da tre anni il vaccino Ismigen. Esegue le analisi del sangue (Emocromo, livelli plasmatici, Ves) annuali e elettro-eco cardiogramma. La situazione è rimasta invariata. Si quando effettua la pulizia dei denti assume il Klacid.
Quindi in caso di faringite meglio assumere l' antibiotico (Zitromax)

- Secondo Lei va bene il Congescor o serve un altro farmaco e deve effettuare altre analisi o controlli specifici o deve proseguire cosi ?

Cordialità
[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Per cio che riguarda sua madre e' opportuno che la terapia medica dell'ipertensione eviti picchi ipertensivi, dal momento che lo spironolattone e il canrenoato di potassio NON servono nel picco ipertensivo, ma debbono essere assunti quotidianamente, necessitando di circa una settimana di tempo per raggiungere il loro effetto.
In caso di solori sospetti per IMA il farmaco di scelta a domicilio, in attesa del mezzo di soccorso e' l'aspirina e non l'ibuprofene.
La terapia del fratello mi pare ben impostata.

Arrivederci

cecchini
[#4] dopo  
Utente 186XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dr Cecchini,

grazie per La risposta al mio secondo consulto.
Mia madre assume per l'ipertensione arteriosa il Micardis 40 mg e il Lobivon 5 mg 1/4 da sei anni e si trova bene non vuole cambiare cura quotidiana.
La pressione è sempre nella norma solo che due volte in questi sei anni ha avuto un aumento pressorio (180 massima /120 minima ) ed è dovuto andare in Ospedale dove li hanno effettuato una puntura per fargliela abbassare. Allora il cardiologo ha ritenuto opportuno che se ricapita onde evitare di passare tramite Pronto soccorso deve assumere il Lasix e Nifedicor gocce sublinguali .
- La mia domanda era che farmaci deve tenere in casa e assumere solo in caso la pressione aumenta ed è elevata sui 170 circa la massima ?
(un farmaco quotidiano da assumere (spironolattone) non li serve perchè già prende Micardis e Lobivon)

Distinti saluti
[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Che non li serva l'antialdosteronico e' una opinione del tutto sua.

Arrivederci

cecchini
[#6] dopo  
Utente 186XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dr Cecchini,

Volevo intendere (credo mi sia espresso male ) riformulo le mie domande:
1) deve continuare a prendere il Micardis o Lobivon mia madre o deve sostituirlo con l antialdosteronico quotidianamente?
2) se la pressione a mia madre nei periodi di maggiore ansia sale a 170 la massima deve sempre prendere l antialdosteronico o un altro principio?
3) l aspirina 500 dottore la può prendere anche in caso di febbre o dolori tipo mal di denti, testa o per tutto ciò è meglio il Paracetamolo (Tachipirina)?

Cordiali saluti.
[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Prescindendo dal fatto che non posso certo prescrivere la terapia ad una paziente mai vista negli occhi (non solo perché proibito dal sito ma perché ' sarebbe una cosa sciocca), forse le e' sfuggito che nella mia prima risposta parlavo di aggiungere una piccola dose di antialdosteronico, proprio per normalizzare i valori pressori ed evitare aumenti improvvisi.

Detto questo va detto che considerando l'obesità' di sua madre (almeno dai dati che lei fornisce) il dosaggio di Micardis e di Lobivon sono..pediatrici e quindi ovviamente ogni tanto la pressione sfugge al controllo.

Quindi penso di aver risposto anche all domanda 2 che , come le ho gia detto, l antialdosteronico va assunto quotidianamente e non in caso di picco pretorio.
Per cio che riguarda gli antinfiammatori e' meglio che ne usi il meno possibile dal momento che inibiscono le prostaglandine e facilitano valori pressori elevati.
Tra l'aspirina ed il paracetamolo e' sicuramente da preferire il secondo.
La saluto

cecchini