Utente 176XXX
Buongiorno,
vorrei gentilmente richiedere un vostro consulto riguardo ad alcuni sintomi.
Premetto di soffrire di tachicardia sinusale ed extrasistolia sporadica. A causa di cio', nel corso del tempo ho effettuato vari esami, quali: vari ECG, un ecocolordoppler, due holter, ecocardiografia e una visita cardiologica; risultato tutto nella norma, a parte, appunto, i due disturbi di cui soffro citati sopra, descritti dai medici come assolutamente non preoccupanti.
Da una settimana a questa parte, pero', sento extrasistole molto piu' frequenti del solito e mi si é alzata notevolmente la frequenza dei battiti quando sono in movimento. Per fare un esempio, ieri mentre facevo piccole faccende domestiche avevo 130 battiti al minuto, che sono tornati a 75-80 appena mi sono seduta; un'altra cosa fastidiosa é che, in entrambi i casi, i battiti erano potenti, come delle palpitazioni.
Ho 24 anni, non fumo, non ho casi di problemi cardiaci in famiglia, la tiroide sta benissimo e ho la pressione 110-100/80. Sono solo leggermente anemica e ogni tanto ho un po' di gastrite. Bevo un caffe al giorno.
Nonostante le rassicurazioni dei medici non mi spiego questa frequenza cosi' veloce appena mi muovo e la potenza dei battiti, anche a riposo.
Avrei bisogno di eseguire altri esami o di seguire qualche accortezza?
Sperando di essere stata esaustiva Vi ringrazio in anticipo per la disponibilita'.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
L'anemia, di cui non riporta né l'entità né la causa (presumo da carenza di ferro) può benissimo spiegare i sintomi che descrive, amplificati dall'ansia che può incrementare il numero di EXS.
Quindi si consulti con il suo medico per correggere per uno studio della sua anemia e della sua causa.
Gastrite non significa nulla: se ha problemi gastrici deve fare una EGDS.
Il "colpo di cannone" che avverte in petto dopo l'extrasistole è del tutto normale: sgradevole ma innocuo.
Saluti,
Dott. Vincenzo Caldarola.
[#2] dopo  
Utente 176XXX

Iscritto dal 2010
La ringrazio la cortese risposta.
Se posso specificare, il "colpo" che sento nel petto dopo un'extrasistole ormai lo conosco e, nonostante mi faccia saltare sulla sedia, non mi preoccupa piu' di tanto. Cio' che mi da molto fastidio é la potenza dei battiti, le palpitazioni, che durano un bel po' e si placano quando sto a riposo.
Oggi ancora, 110 battiti al minuto e palpitazioni, mentre lavavo i piatti.
Posso chiederLe cosa intende per EGDS?
La ringrazio.
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Caldarola
32% attività
20% attualità
16% socialità
SVIZZERA (CH)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2007
Signora lei può avere una anemia che le provoca una "sindrome ad alta gittata": per assicurare ossigeno al suo cervello durante l'attività fisica routinaria il cuore si contrae con vigore e velocemente.
Se non fa un emocromo e gli esami correlati parliamo di aria fritta.
EGSD sta per Esofago - Gastro - Duodeno - Scopia: se ha un reflusso gastro esofageo e perde 10 gocce di sangue ogni giorno il suo ferro si abbassa e lei diventa anemica. A questo deve aggiungere il sangue perso con i cicli mestruali.
Spero di essere stato più chiaro.
saluti,
Dott. Vincenzo Caldarola.
[#4] dopo  
Utente 176XXX

Iscritto dal 2010
É staro molto chiaro, grazie mille per il consulto.