Utente 384XXX
Gentili Dottori,
prima di esporvi il caso vorrei fare una premessa.
Un anno fa quando, a seguito di rapporti sessuali non protetti, mi è venuto il pallino delle IST.
La mia paura è stata notevolmente accentuata dal fatto che attualmente sto con una ragazza che amo, e l'idea di farle del male, anche involontariamente, mi fa stare in pensiero.Circa un anno fa ho deciso di fare le analisi complete di tutte le possibili IST e sono risultato negativo in tutto. Dopo questa paura, pensavo fosse tutto finito e invece no: nonostante sapessi bene quali sono le modalità di contagio, la mia mente cercava sempre di esaminare situazioni innocue le quali però, in seguito alla mia "eccessiva elaborazione mentale", mi facevano stare in pensiero, tanto è vero che sono arrivato a farmi un test HIV soltanto perchè ho baciato sulla guancia un mio parente, col timore che un mio brufolo poco prima irritato durante un taglio di barba potesse essere stato idoneo a far entrare del virus anche in gocce di sangue microscopiche.
Per fortuna negli ultimi mesi gli episodi che mi hanno fatto stare in pensiero si sono ridotti quasi a zero, e non mi sono fatto problemi per situazioni innocue.Tuttavia pochi giorni fa è successo quanto segue:
Ho incontrato una collega di lavoro. Ci siamo dati la mano e, anche a causa dei miei movimenti frenetici, le sue unghie lunghe e affilate mi hanno graffiato sotto la pellicina di un mio dito. Di solito le mie pellicine sanguinano facilmente (qualche giorno prima mi era uscito tanto sangue dopo che avevo urtato il dito contro il mio portafogli).
Inoltre ho notato che lei si mangiava le unghie e aveva delle pellicine arrossate.
Allora mi è venuto questo dubbio tremendamente forte: se lei avesse avuto del sangue piuttosto fresco sotto le sue unghie lunghe e, quando mi ha dato la mano, tale sangue sia finito sotto la mia pellicina, avrò rischiato di essere stato contagiato da qualche IST qualora lei ne fosse portatrice?
è semplicemente frutto di una mia paranoia?
Inoltre tale episodio mi ha portato a non essere razionale durante la nostra discussione, tanto è vero che ero quasi arrivato a chiederle se a lei capitasse di avere del sangue sotto le unghie. Inoltre ho notato che la paura di quel momento non mi faceva concentrare su quello che dicevo e mi sentivo piuttosto perso, come se quando parlavo fossi spaesato e incerto, e in realtà mi ero fatto mille pensieri che questa innocua situazione potesse essere rischiosa per la mia amata fidanzata.
Ora vorrei chiedervi:
1 Posso stare tranquillo sul non contagio?
2 Il mio timore psicologico verso le IST può essere ancora considerato normale e in via di guarigione oppure devo preoccuparmi? Come ho detto prima, l'ultima mia vera preoccupazione risale a 8 mesi fa e pensavo di aver completamente chiuso questo capitolo. Spero che quest'ultimo episodio sia solo passeggero ed isolato. In questo momento mi sono rasserenato ma vorrei non dovermi più preoccuparmi in futuro di situazioni del genere.
Grazie mille
[#1] dopo  
Prof. Giorgio Enrico Gerunda
28% attività
8% attualità
16% socialità
MODENA (MO)
Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
Caro Giovanotto non devi avere questa paura ossessiva per le malattie sessualmente trasmissibili, per l' HIV o l' HCV. hai fatto i test per HIV, HCV,, HBV (se non sei vaccinato) per la sifilide. se come sembra sono negativi fai sesso sempre con il preservativo e anche il sesso orale se non sei certo che la partner sia negativa, fallo con la copertura linguale. penso però che se hai una ragazza fissa e lei ha fatto i test e sono negativi dovresti essere ragionevolmente sicuro e non ossessionarti dalla paura. E' chiaro che se fai sesso con persone che non conosci (occasionale) devi proteggerti al massimo.