Utente 413XXX
Buongiorno, cerco di riepilogo brevemente: quattro anni fa ebbi sporadici episodi di fibrillazione atriale, tutti rientrati nel giro di una settimana assumendo del rytmonorm 300mg solo all'occorrenza. Quest'anno, esattamente il 15 di Maggio, ho riavuto un episodio di fibrillazione atriale, scomparso dopo aver assunto il rytmonorm 300mg, ma ricomparso frequentemente nei giorni a seguire ( sempre avvenuti di notte e dei quali due volte mi sono dovuto recare al pronto soccorso). Il mio cardiologo ha riportato nella cartella clinica: " prolasso della mitrale. storia di parossismi aritmici. pregressa fap. sporadici bea e sporadici bev. test ergometrico massimale negativo per aritmie. sospetto slivellamento in basso dell'st da v3 a v6 all'acme di sforzo massimale ( test ergometrico )". la prescrizione farmacologica e' di assumere 3 rytmonorm al giorno ( ad intervalli di 8 ore ). Con la cura in atto da circa tre settimane non ho piu' avuto episodi di f.a. Le mie domande sono : 1) se dovessi continuare ad assumere tale farmaco per lungo tempo ( .. a vita ?? ) che effetti avrei in generale su fegato / reni etc ? 2) e' preferibile intervenire con ablazione per ovviare ai farmaci ? 3) le mie attivita' fisiche piu' seguite sono il jogging e l'immersione con e senza autorespiratore (non a livello agonistico). Posso continuare senza problemi o devo limitarmi ? Grazie in anticipo e complimenti per il Vs. sito, di sicuro aiuto per moltissimi.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Ci sono due aspetti:
- il "sospetto slivellamento in basso dell'st da v3 a v6 all'acme di sforzo massimale" va indagato,proprio perche' definito...sospetto, per esempio con una scintigrafia miocardica da sforzo

- un paziente come lei, specie perche' giovane, che presenta ripetuti episodi di f.a. parossitica a mio avviso va posto sotto copertura antiaritmica ed anticoagulante orale per scongiurare gli episodi tromboembolici, specie se lei avesse familiarita' per ictus o infarti

E' inutile certo che le dica di mantenere i valori pressori al di sotto di 120/80 mmHg, di correggere eventuali ipercolesterolemie e di stare lontano da fumo, caffeina, energy drinks ed alcoolici.

Il jogging puo' essere proseguito, eviterei le immersioni dal momento che una comparsa di f.a. tachifrequente in tali occasioni potrebbe risultare molto pericolosa.

Arrivederci

cecchini