Utente 327XXX
Buongiorno, ieri abbiamo ritirato gli esami di mio marito (34 anni) che hanno evidenziato una ridottissima motilità degli spermatozoi. Riporto di seguito i valori:
Volume 2.8 cc
Colore biancastro
Odore sui generis
Aspetto lattescente
Viscosità nei limiti
Oh 7.8
Tempo di omogeinizzazione 30 min
Numero spermatozoi 20.000.000
N. Spermatozoi mobili 28%
Grado di mobilità 4%(grado III), 24% (grado II)
Indice di vitalità
Nemasp.mob dopo 2 h 28%
Dopo 6h 13%
Dopo 9 h 5%
Dopo 24h 0%

Spermatozoi normali 76%
Spermatozoi anormali immat. 24%

Spermiocoltura- assenza di batteri comuni patogeni.

Sotto consiglio medico effettuerà oggi stesso un'ecografia colordoppler ed inizierà ad assumere andrositol plus per 3 mesi.

Quanto è grave la situazione?
Ritiene possibili miglioramenti?
È possibile una gravidanza con questi valori?
Siamo molto preoccupati.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signora,
faccia ripetere lo spermiogramma al marito in centro che segue le norme della organizzazione mondiale della sanità. Quei dati sono irrealistici (es 76% di normali, al massimo sono il 20%)
[#2] dopo  
Utente 327XXX

Iscritto dal 2013
Gentile dottore, la ringrazio per la tempestività con la quale ha risposto alla mia domanda.
La sua risposta dà conferma a quanto ho letto in questi giorni su forum e portali come questo.
In più parti ho potuto verificare che esami con definizioni e valori di riferimento come quelli del nostro appena ritirato sono considerati anomali, o quanto meno superati e quindi poco attendibili.
Mi chiedo solo come sia possibile che ancora vengano eseguiti esami con metodologie obsolete in così tanti laboratori..e se effettivamente siano totalmente privi di fondamento. solo a titolo informativo, nel dato sugli spermatozoi normali che lei cita a titolo di esempio come "irreale", i valori di riferimento sono 80+-15%.
Ad ogni modo, ne parleremo col nostro medico e approfondiremo la questione, anche perché già avevamo deciso di ripetere l'esame ( a questo punto cambieremo laboratorio).

Ne approfitto infine per un aggiornamento, perché ieri abbiamo eseguito l'ecografia che ha rilevato un varicocele di II grado.
Grazie per la sua disponibilità.
Saluti

[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Le percentuali dell' organizzazione mondiale della sanità sono sconfortanti l' 82% dei laboratori italiani seguono tecnicvhe obsolete. Il II grado di varicocele ecografico, se misurato per bene ( a paziente in piedi) non vuol dire nulla: troppo piccolo per dar fastidio.